Rassegna Corale Don Antonio Cinto 2016

don-antonio-cinto-2016_g1_rassenga-corale-presentazione-libro
Domenica 7 Dicembre 2016 

alle ore 20.30

presso la

Chiesa Parrocchiale S. Antonio Abate
Pravisdomini

Si svolgerà la

21° Rassegna Corale
Don Antonio Cinto”

cori partecipanti

Gruppo Vocale “Citta di San Vito
San Vito al Tagliamento

organista: Luigino Favot
direttore: Gioachino Perisan

Corale “La Betulla”  – Aviano

organista: Gino del Col
direttore: Stefano Toffolo

https://i0.wp.com/web.tiscali.it/lausnova/LausNova.jpg

Corale “Laus Nova” – Pravisdomini

direttore: Maurizio Siagri

———

————————————————————————————————————

Categorie:Uncategorized

Installare Docker 1.12.xx in Debian Jessie 8.6

dockerDocker  consente l’esecuzione di applicazioni con le relative dipendenze in un container virtuale isolato dal sistema operativo.  Di fatto le applicazioni possono coincidere con un sistema operativo quasi completo evitando in questo modo la necessità di una macchina virtuale. Aspetti positivi: minori risorse, maggior velocità  di avvio, evitare i problemi di gestione di una macchina virtuale. Aspetto negativo l’isolamento rnon è totale e le risorse a disposizione del container sono meno garantite. Docker che si esegue in modo nativo su macchine Linux gira anche su OS e Windows.

Installazione di Docker 1.12.xx in Debian Jessie

L’ultima versione di Docker disponibile è la 1.12.2-0. L’installazione di Docker richiede una versione a 64bit di Debian e un kernel versione > 3.10.   La guida ufficiale all’installazione su debian di docker  è disponibile all’indirizzo  https://docs.docker.com/engine/installation/linux/debian/

Il kernel può essere controllato utilizzando uname.
Passare a super user per le varie fasi dell’istallazione

$ su 

$ uname -r 
3.16.0-4-amd64

L’installazione della versione 12.10 avverrà via apt-get dal repository di Docker il repository corrente infatti ospita una versione decisamente obsoleta.

La versione datata può essere evidenziata con apt-cache  policy

$ apt-cache policy docker
docker:
 Installed: (none)
 Candidate: 1.5-1
 Version table:
 1.5-1 0
 500 http://ftp.it.debian.org/debian/ jessie/main amd64 Packages
 100 /var/lib/dpkg/status

La guida su Docker evidenzia alcune accorgimenti che vanno adottati preliminarmente:

Rimuovere eventuali precedenti versioni installate:

$ apt-get purge "lxc-docker" 
$ apt-get purge "lxc-docker"

Nel nostro caso non era presenti precedenti versioni è l’esito è stato negativo.
Di seguito un esempio di precedenti versioni presenti nei repository

$  apt-cache search docker
...
docker - System tray for KDE3/GNOME2 docklet applications 
...
docker.io - Linux container runtime 
...
lxc-docker - Linux container runtime 
lxc-docker-0.10.0 - Linux container runtime 
...
lxc-docker-0.12.0 - Linux container runtime 
lxc-docker-0.5.3 - lxc-docker is a Linux container runtime 
lxc-docker-0.6.0 - lxc-docker is a Linux container runtime
...
lxc-docker-0.6.6 - lxc-docker is a Linux container runtime
lxc-docker-0.6.7 - Linux container runtime
...
lxc-docker-0.9.0 - Linux container runtime  
...
lxc-docker-1.5.0 - Linux container runtime
lxc-docker-1.6.0 - Linux container runtime
...
lxc-docker-1.9.0 - Linux container runtime
lxc-docker-1.9.1 - Linux container runtime
 

 .

Per poter utilizzare il repository specifico di docker è necessario installare la GPG Key e accertarsi che apt-get apt-get operi con il protocool https. Anche se probabilmente presenti installare o verificare l’installazione dei pacchetti apt-transport-https ca-certificates con :

$ apt-get install apt-transport-https ca-certificates
Reading package lists... Done
Building dependency tree 
Reading state information... Done
apt-transport-https is already the newest version.
ca-certificates is already the newest version.
0 upgraded, 0 newly installed, 0 to remove and 0 not upgraded.

Installare la GPG Key con

$ apt-key adv --keyserver hkp://p80.pool.sks-keyservers.net:80 --recv-keys 58118E89F3A912897C070ADBF76221572C52609D

In apt-get non dovrebbero essere presenti riferimenti al repository di docker. E’ possibile controllare la presenza di eventuali file docker.list con

$ ls /etc/apt/sources.list.d/docker*

Aggiungere ad apt-get il repository di docker con :

$ echo "deb https://apt.dockerproject.org/repo debian-jessie main" > /etc/apt/sources.list.d/docker.list


effettuare l’update dei repositories con

$ apt-get update

Per verificare che apt-get faccia riferimento al repository di docker corretto utilizzare apt-cache

$ apt-cache policy docker-engine 
Installed: (none)
Candidate: 1.12.2-0~jessie
Version table:
1.12.2-0~jessie 0
500 https://apt.dockerproject.org/repo/ debian-jessie/main amd64 Packages
1.12.1-0~jessie 0
500 https://apt.dockerproject.org/repo/ debian-jessie/main amd64 Packages
1.12.0-0~jessie 0
500 https://apt.dockerproject.org/repo/ debian-jessie/main amd64 Packages
1.11.2-0~jessie 0
500 https://apt.dockerproject.org/repo/ debian-jessie/main amd64 Packages
...
...
1.6.1-0~jessie 0
500 https://apt.dockerproject.org/repo/ debian-jessie/main amd64 Packages
1.6.0-0~jessie 0
500 https://apt.dockerproject.org/repo/ debian-jessie/main amd64 Packages
1.5.0-0~jessie 0
500 https://apt.dockerproject.org/repo/ debian-jessie/main amd64 Packages
root@debian8SdaDMZ:/home/maurizio# apt-get install docker
Reading package lists... Done

parte della lista delle versioni docker disponibili e l’indicazione che docker non è installato.

Per utilizzare Docker installare il pacchetto docker-engine

$ apt-get install docker-engine

Avviare il demone Docker con

$ service docker start

Avviare il primo container

Per verificare che Docker sia funzionante avviamo il primo container. Cioè la nostra prima applicazione o parte di macchina virtuale. Per poter avviare un container e necessario disporre di una image di partenza con l’applicazione o parte della macchina virtuale. Un container è una image che vive e a partire dalla stessa image possono essere avviati molti containers indipendenti .  La relazione che esiste tra container e image e simile alla relazione che nella programmazione ad oggetti esiste tra classe e oggetto. Un oggetto è un classe che vive. E di classe possiamo avviare molte istanze così da avere molti oggetti inidendenti.  Così un container e una image viva e possiamo avere avviare una molteplicita di containers a partire dalla stessa classe.

In genere conviene partire da images disponibili on line modificandole piuttosto che partire da zero.
Le immagini disponibili per Docker possono essere ricercate con il comando search:

$ docker search debian 
docker search debian
NAME                           DESCRIPTION                                     STARS     OFFICIAL   AUTOMATED
debian                         Debian is a Linux distribution that's comp...   1724      [OK]       
neurodebian                    NeuroDebian provides neuroscience research...   29        [OK]       
jesselang/debian-vagrant       Stock Debian Images made Vagrant-friendly ...   9                    [OK]
armbuild/debian                ARMHF port of debian                            8                    [OK]
...
konstruktoid/debian            Debian base image                               0                    [OK]
pl31/debian                    Debian base image.                              0                    [OK]
gnumoksha/debian               [PT-BR] Imagem básica do Debian com ajust...    0                    [OK]

L’image utilizzata per testare docker in genere è Hello-World una immagine decisamente piccola.

In questo caso scarichiamo una image più complessa scarichiamo una image debian di base si tratta dell’ultima versione di debian jesse ( 51 MB da scaricare ).

Utilizziamo il comando pull debian

$ docker pull debian 
Using default tag: latest
latest: Pulling from library/debian
6a5a5368e0c2: Pull complete 
Digest: sha256:677f184a5969847c0ad91d30cf1f0b925cd321e6c66e3ed5fbf9858f58425d1a
Status: Downloaded newer image for debian:latest

Possiamo controllare le images disponibili con il comando docker images

$ docker images  
REPOSITORY            TAG                 IMAGE ID            CREATED             SIZE
debian                latest              ddf73f48a05d        3 weeks ago         123 MB

Avviamo il container a partire dall’image scaricata con il comando run

$ docker run -i -t ddf73f48a05d /bin/bash 
root@7c7a22fdf29e:/# 

il comando indicato consente di avviare il container e lanciare il comando /bin/bash così da avere accesso alla console.
A questo punto è possibile utilizzare i comandi da terminale  per installare pacchetti e configurare a piacimento il container.

Per uscire digitare exit.

Per visualizzare le informazioni su docker utilizzare il comando info 

$ docker info  
Containers: 11
 Running: 3
 Paused: 2
 Stopped: 6
Images: 6
Server Version: 1.12.2
Storage Driver: aufs
 Root Dir: /var/lib/docker/aufs
 Backing Filesystem: extfs
 Dirs: 14
 Dirperm1 Supported: true
Logging Driver: json-file
Cgroup Driver: cgroupfs
Plugins:
 Volume: local
 Network: bridge null host overlay
Swarm: inactive
Runtimes: runc
Default Runtime: runc
Security Options:
Kernel Version: 3.16.0-4-amd64
Operating System: Debian GNU/Linux 8 (jessie)
OSType: linux
Architecture: x86_64
...
Docker Root Dir: /var/lib/docker
...

per una lista dei comandi digitare docker :

$ docker 
Usage: docker [OPTIONS] COMMAND [arg...]
 docker [ --help | -v | --version ]
A self-sufficient runtime for containers.
Options:
 --config=~/.docker Location of client config files
 -D, --debug Enable debug mode
 -H, --host=[] Daemon socket(s) to connect to
 -h, --help Print usage
 -l, --log-level=info Set the logging level
 --tls Use TLS; implied by --tlsverify
 --tlscacert=~/.docker/ca.pem Trust certs signed only by this CA
 --tlscert=~/.docker/cert.pem Path to TLS certificate file
 --tlskey=~/.docker/key.pem Path to TLS key file
 --tlsverify Use TLS and verify the remote
 -v, --version Print version information and quit
Commands:
 attach Attach to a running container
 build Build an image from a Dockerfile
 commit Create a new image from a container's changes
 cp Copy files/folders between a container and the local filesystem
 create Create a new container
 diff Inspect changes on a container's filesystem
 events Get real time events from the server
 exec Run a command in a running container
 export Export a container's filesystem as a tar archive
 history Show the history of an image
 images List images
 ...

Il servizio docker con sysv-rc-conf

il servizio docker sysv-rc-conf

Upgrade di Docker

Per effettuare l’upgrade di docker

$ apt-get upgrade docker-engine

Disinstallare Docker

Per disinstallare Docker rimuover il pacchetto docker-engine

$ apt-get purge docker-engine

Per disistallare il pacchetto e le dipendenze digitare

$ apt-get autoremove --purge docker-engine

per rimuovere o,ages, containers a i volumi rimuovere la cartella /var/lib/docker

$ rm -rf /var/lib/docker

Risorse:

Natale 2015

dicembre 24, 2015 4 commenti

 

Joyeux Noël – Una verità dimenticata dalla storia

Nel Natale del 1914 tra le trincee che vedevano contrapposti soldati tedeschi, scozzesi e francesi il Natale e la musica creano un’atmosfera che trascende gli egoismi e gli interessi di parte e la guerra si fa in tutta la sua evidenza iconprensibile e  assurda.

Joyeux Noel merry christmas 2005 movie song Adeste fideles – YouTube

Rapsodia Natalizia di Concezio Paone all’organo Daniele Toffolo

Categorie:Uncategorized

Rassegna Corale don Antonio Cinto 2015 – 20° edizione

World Coral Day 7 dic 2014

 

 

 

 

Domenica 7 Dicembre 2015 alle ore 20.30

presso la

Chiesa Parrocchiale S. Antonio Abate
a Pravisdomini

 

 

 

Si svolgerà la

20° Rassegna Corale
Don Antonio Cinto”

 

 

cori partecipanti

Corale di  “Rauscedo” – Rauscedo

direttore: Sante Fornasier

 

Coro  “Cattedrale di S. Stefano” – Concordia Sagittaria

direttore: Michele Franco
organista: Daniele Toffolo

 

https://i0.wp.com/web.tiscali.it/lausnova/LausNova.jpg

Corale “Laus Nova” – Pravisdomini

direttore: Maurizio Siagri
organista: Gino del Col

———

 

————————————————————————————————————

Installare la stampante multifunzione Brother MFC-J6520DW in Debian Jessie 8.x installer tools

DebianDi seguito i passi per installare e per configurare da linea di comando i drivers della multifunzione full A3  Brother MFC-J6520DW  full A3 in debian 8.x jessie.  In questo blog più volte si è parlato della configurazione e dell’installazione della stampante multifuzione  Brother  multifunzione MFC5890CN in Ubuntu e Debian. Ora la procedura per l’installazione delle stampanti multifunzione Brother grazie al Driver install Tool risulta decisamente agevole. L’installazione della Brother MFC-J652DW grazie segue sostanzialmente i passi evidenziati in questo post Installare la stampante multifunzione Brother MFC-5890CN in Debian Jessie 8.x nuovo installer tools.

In fondo al posto anche l’amminstrazione della stampante utilizzando il servizio http di cups.MFC-

Brother MFC-5890CN Network printer in Debian 8.x

Di seguito la procedura di installazione e configurazione della stampante  MFC-J6520DW disponibile via rete in Debian 8.0 Jessie a 64 bit.

Il  Driver install Tool  è alla versione 2.0.0.1 ( marzo 2014 ).

La pagina supporto Brother dedicata alla MFC-J6520CN 

mfc-j6520dw download page

Una volta scaricato il driver install tool:  linux-brprinter-installer-2.0.0-1

decomprimere e rendere eseguibile con

gunzip linux-brprinter-installer-2.0.0-1.gz
sudo chmod +x linux-brprinter-installer-2.0.0-1

Quindi avviare e seguire la procedura guidata che inizia con la richiesta del modello di stampante prosegue con la configurazione della stampante e termina con la parte dedicata allo scanner.

Di seguito sono riportate le fasi principali della procedura

su
./linux-brprinter-installer-2.0.0-1
Input model name ->MFC-J6520DW
You are going to install following packages.
 mfcj6520dwlpr-3.0.0-1.i386.deb
 mfcj6520dwcupswrapper-3.0.0-1.i386.deb
 brscan4-0.4.3-3.amd64.deb
 brscan-skey-0.2.4-1.amd64.deb
OK? [y/N] ->y
=========================================
Brother License Agreement
...
...
Do you agree? [y/N] ->y
wget -T 10 -nd --no-cache http://www.brother.com/pub/bsc/linux/packages/mfcj6520dwlpr-3.0.0-1.i386.deb
--2016-09-24 00:51:18-- http://www.brother.com/pub/bsc/linux/packages/mfcj6520dwlpr-3.0.0-1.i386.deb
Resolving www.brother.com (www.brother.com)... 2.228.46.104, 2.228.46.105
Connecting to www.brother.com (www.brother.com)|2.228.46.104|:80... connected.
HTTP request sent, awaiting response... 200 OK
Length: 2957158 (2.8M) [text/plain]
Saving to: ‘mfcj6520dwlpr-3.0.0-1.i386.deb’

mfcj6520dwlpr-3.0.0-1.i386.deb 100%[==========================================================================================================================================>] 2.82M 263KB/s in 11s 

2016-09-24 00:51:29 (259 KB/s) - ‘mfcj6520dwlpr-3.0.0-1.i386.deb’ saved [2957158/2957158]
========================================
GPL License Agreement
...
Do you agree? [y/N] ->y

wget -T 10 -nd --no-cache http://www.brother.com/pub/bsc/linux/packages/mfc5890cncupswrapper-1.1.2-2.i386.deb
--2015-06-11 18:51:13-- http://www.brother.com/pub/bsc/linux/packages/mfc5890cncupswrapper-1.1.2-2.i386.deb
Resolving www.brother.com (www.brother.com)... 2.228.46.105, 2.228.46.106
Connecting to www.brother.com (www.brother.com)|2.228.46.105|:80... connected.
HTTP request sent, awaiting response... 200 OK
Length: 14094 (14K) [text/plain]
Saving to: ‘mfc5890cncupswrapper-1.1.2-2.i386.deb’

mfc5890cncupswrappe 100%[====================>] 13.76K --.-KB/s in 0.02s 

2015-06-11 18:51:13 (800 KB/s) - ‘mfc5890cncupswrapper-1.1.2-2.i386.deb’ saved [14094/14094]


 

GPL License Agreement
...
Do you agree? [y/N] ->y
wget -T 10 -nd --no-cache http://www.brother.com/pub/bsc/linux/packages/mfcj6520dwcupswrapper-3.0.0-1.i386.deb
--2016-09-24 00:53:31-- http://www.brother.com/pub/bsc/linux/packages/mfcj6520dwcupswrapper-3.0.0-1.i386.deb
Resolving www.brother.com (www.brother.com)... 2.228.46.105, 2.228.46.104
Connecting to www.brother.com (www.brother.com)|2.228.46.105|:80... connected.
HTTP request sent, awaiting response... 200 OK
Length: 15120 (15K) [text/plain]
Saving to: ‘mfcj6520dwcupswrapper-3.0.0-1.i386.deb’

mfcj6520dwcupswrapper-3.0.0-1.i386.deb 100%[==========================================================================================================================================>] 14.77K --.-KB/s in 0.03s 

2016-09-24 00:53:31 (564 KB/s) - ‘mfcj6520dwcupswrapper-3.0.0-1.i386.deb’ saved [15120/15120]

Ign http://ftp.it.debian.org jessie InRelease
Get:1 http://security.debian.org jessie/updates InRelease [63.1 kB] 
Get:2 http://deb.opera.com stable InRelease [2,592 B] 
Get:3 http://ftp.it.debian.org jessie-updates InRelease [142 kB] 
...
...
Package ia32-libs is not available, but is referred to by another package.
This may mean that the package is missing, has been obsoleted, or
is only available from another source
However the following packages replace it:
 lib32z1 lib32ncurses5

E: Package 'ia32-libs' has no installation candidate
dpkg -x mfcj6520dwlpr-3.0.0-1.i386.deb /
dpkg -x mfcj6520dwcupswrapper-3.0.0-1.i386.deb /
dpkg-deb: building package `mfcj6520dwlpr' in `mfcj6520dwlpr-3.0.0-1a.i386.deb'.
dpkg -b ./brother_driver_packdir mfcj6520dwlpr-3.0.0-1a.i386.deb
dpkg-deb: building package `mfcj6520dwcupswrapper' in `mfcj6520dwcupswrapper-3.0.0-1a.i386.deb'.
dpkg -b ./brother_driver_packdir mfcj6520dwcupswrapper-3.0.0-1a.i386.deb
dpkg -i --force-all mfcj6520dwlpr-3.0.0-1a.i386.deb
Selecting previously unselected package mfcj6520dwlpr.
(Reading database ... 191014 files and directories currently installed.)
Preparing to unpack mfcj6520dwlpr-3.0.0-1a.i386.deb ...
Unpacking mfcj6520dwlpr (3.0.0-1) ...
Setting up mfcj6520dwlpr (3.0.0-1) ...
mkdir: cannot create directory ‘/var/spool/lpd/mfcj6520dw’: No such file or directory
chown: cannot access ‘/var/spool/lpd/mfcj6520dw’: No such file or directory
chgrp: cannot access ‘/var/spool/lpd/mfcj6520dw’: No such file or directory
chmod: cannot access ‘/var/spool/lpd/mfcj6520dw’: No such file or directory
dpkg -i --force-all mfcj6520dwcupswrapper-3.0.0-1a.i386.deb
Selecting previously unselected package mfcj6520dwcupswrapper.
(Reading database ... 191040 files and directories currently installed.)
Preparing to unpack mfcj6520dwcupswrapper-3.0.0-1a.i386.deb ...
Unpacking mfcj6520dwcupswrapper (3.0.0-1) ...
Setting up mfcj6520dwcupswrapper (3.0.0-1) ...
Restarting cups (via systemctl): cups.service.
lpadmin -p MFCJ6520DW -E -v dnssd://Brother%20MFC-J6520DW._ipp._tcp.local/ -P /usr/share/cups/model/Brother/brother_mfcj6520dw_printer_en.ppd


Will you specify the Device URI? [Y/n] ->Y 
0: http
1: ipp14
2: https
3: ipps
4: ipp
5: hp
6: socket
7: lpd
8: hpfax
9: dnssd://Brother%20MFC-J6520DW._ipp._tcp.local/
10: lpd://BRN30055CB37ABB/BINARY_P1
11 (I): Specify IP address.
12 (A): Auto. (dnssd://Brother%20MFC-J6520DW._ipp._tcp.local/

select the number of destination Device URI. -> 11 

enter IP address ->192.168.1.152

lpadmin -p MFCJ6520DW -v socket://192.168.77.252 -E
Test Print? [y/N] -> 

wait 5s.
lpr -P MFCJ6520DW /usr/share/cups/data/testprint

You are going to install following packages.
brscan4-0.4.3-3.amd64.deb
=========================
Brother License Agreement
...
Do you agree? [y/N] ->Y
... 
wget -T 10 -nd --no-cache http://www.brother.com/pub/bsc/linux/packages/brscan4-0.4.3-3.amd64.deb
--2016-09-24 01:00:33-- http://www.brother.com/pub/bsc/linux/packages/brscan4-0.4.3-3.amd64.deb
Resolving www.brother.com (www.brother.com)... 2.228.46.105, 2.228.46.104
Connecting to www.brother.com (www.brother.com)|2.228.46.105|:80... connected.
HTTP request sent, awaiting response... 200 OK
Length: 73704 (72K) [text/plain]
Saving to: ‘brscan4-0.4.3-3.amd64.deb’

brscan4-0.4.3-3.amd64.deb 100%[==========================================================================================================================================>] 71.98K --.-KB/s in 0.1s 

2016-09-24 01:00:33 (713 KB/s) - ‘brscan4-0.4.3-3.amd64.deb’ saved [73704/73704]

dpkg -i --force-all brscan4-0.4.3-3.amd64.deb
Selecting previously unselected package brscan4.
(Reading database ... 191044 files and directories currently installed.)
Preparing to unpack brscan4-0.4.3-3.amd64.deb ...
Unpacking brscan4 (0.4.3-3) ...
Setting up brscan4 (0.4.3-3) ...
This software is based in part on the work of the Independent JPEG Group.
You are going to install following packages.
 brscan-skey-0.2.4-1.amd64.deb

=========================================
Brother License Agreement
...
wget -T 10 -nd --no-cache http://www.brother.com/pub/bsc/linux/packages/brscan-skey-0.2.4-1.amd64.deb
--2016-09-24 01:02:16-- http://www.brother.com/pub/bsc/linux/packages/brscan-skey-0.2.4-1.amd64.deb
Resolving www.brother.com (www.brother.com)... 2.228.46.105, 2.228.46.104
Connecting to www.brother.com (www.brother.com)|2.228.46.105|:80... connected.
HTTP request sent, awaiting response... 200 OK
Length: 50852 (50K) [text/plain]
Saving to: ‘brscan-skey-0.2.4-1.amd64.deb’

brscan-skey-0.2.4-1.amd64.deb 100%[==========================================================================================================================================>] 49.66K --.-KB/s in 0.07s 

2016-09-24 01:02:16 (716 KB/s) - ‘brscan-skey-0.2.4-1.amd64.deb’ saved [50852/50852]

dpkg -i --force-all brscan-skey-0.2.4-1.amd64.deb
(Reading database ... 191080 files and directories currently installed.)
Preparing to unpack brscan-skey-0.2.4-1.amd64.deb ...
Unpacking brscan-skey (0.2.4-1) over (0.2.4-1) ...
Setting up brscan-skey (0.2.4-1) ...
brsaneconfig4 -a name=MFC-J6520DW model=MFC-J6520DW ip=192.168.77.252
Hit Enter/Return key.

mfc-j6520DW scanner

 

Impostazione manuale dello scanner

brsaneconfigX  -a  name=Brother  model=MFC-XXX  ip=XXX.XXX.XXX.XX 

 

Configurare Brother MFC-J6520DW using CUPS servizio http

La stampante può essere controllata anche utilizzando l’apposita interfaccia http di cups che risponde alla porta 631:

http://localhost:631

Cups 1.7.5. Debian 8.0

La stampante Brother MFC-J6520DW in cups:

10 (I): Specify IP address.   Connection: socket//192.168.1.65
che come
11 (A): Auto. (dnssd://Brother%20MFC-5890CN._pdl-datastream._tcp.local/) 

mfc-j6520dw cups

mfc-j6520dw-cups2

 

 

Risorse:

Debian jessie ( 8.1 ) 64 bit installare via NetbootInstall From Internet

DebianRilasciata il 6 giugno 2015 la versione 8.1 di Debian Jessie. Le versione base 8.0 era stata rilasciata il  26 aprile  .

La distro Debian una delle prime distribuzioni in termini di anzianità, è nota per la sua stabilità che è legata alle rigide politiche riguardo la qualità dei pacchetti.  Debian, per la struttura organizzativa che ne è alla base, è probabilmente la sola tra le grandi distribuzioni ad essere libera da interessi commerciali.  La Debian 8.x Jessie in questo primo periodo d’uso sta lasciando un impressione, come macchina desktop, veramente positiva. La stabilità è veramente notevole se paragonata alle ultime versioni desktop Ubuntu.

Installazione NetbootInstallFromInternet di Debian 8.1 Jessie per 64bit PC ( amd64  )

Di seguito la procedura per installare Jessie  da terminale e via internet, quindi  senza CD, utilizzando netboot.tar.gz e grub,definita anche NetbootInstallFromInternet.

Per completare la procedura bisogna armarsi di un po’ di pazienza.

Scaricare il file netboot.tar.gz (da http://ftp.debian.org/debian/Debian8/dists/jessie/main/installer-amd64/current/images/netboot/  )

Quindi  decomprimere il file in un percorso raggiungibile da grub. Personalmente ritengo preferibile:

  • predisporre manualmente con gparted la nuova partizione destinata ad accogliere jessie.
  • formattarla ext4 sempre con gparted. Quindi copiarvi netboot.tar.gz
  • e decomprimere con
sudo tar -zxvf netboot.tar.gz
ls -lgo
drwxrwxr-x 3 4096 Jun 4 18:29 debian-installer
lrwxrwxrwx 1 47 Jul 1 13:13 ldlinux.c32 -> debian-installer/amd64/boot-screens/ldlinux.c32
-rw-r----- 1 19370121 Aug 1 13:12 netboot.tar.gz
lrwxrwxrwx 1 33 Jul 1 13:13 pxelinux.0 -> debian-installer/amd64/pxelinux.0
lrwxrwxrwx 1 35 Jul 1 13:13 pxelinux.cfg -> debian-installer/amd64/pxelinux.cfg
-rw-rw-r-- 1 61 Jun 4 18:29 version.info

Avviare  Netboot Install From Internet con grub 2

Il kernel linux e initrd.gz necessari per l’ avvio dell’installazione vengono decompressi nel percorso /ubuntu-installar/amd64 che si dovrà utilizzare in grub. Per avviare l’installazione effettuare il reboot entrare nella modalità edit di grub2 e digitare le informazioni relative a kernel e intird.

Le informazioni minimali da digitare interattivamente in grub2 in caso di partizione msdos ( seconda partizione primaria dev/sda3, primo disco hd1)   sono

  set root='(hd1,msdos3)'
  linux /debian-installer/amd64/linux root=/dev/hda3
  initrd /debian-installer/amd64/initrd.gz

Una volta selezionata una voce di menu la si potrà modificare entrando in edit con il tasto e. Poi al solito il tasto ESC consente di uscire dalla modalità di edit. F10 per il boot.

Volendo è anche possibile upgradare il menu grub2 inserendo le seguenti righe in /etc/grub.d/40custom opportunamente modificate così da avere a disposizone all’avvio voci di menu per l’installazione via netboot per partizione msdos classica e gpt2.

sudo cat /etc/grub.d/40custom 
submenu 'Debian install via netboot-internet'    {

     menuentry 'Netboot amd64 msdos' {
	insmod part_msdos
	insmod ext2
	set root='(hd0,msdos3)'
	linux /debian-installer/amd64/linux root=/dev/hda3
        initrd /debian-installer/amd64/initrd.gz
     }

     menuentry 'Netboot amd64 gpt' {
        insmod part_gpt
        insmod ext2
        set root='(hd1,gpt3)'
        linux /debian-installer/amd64/linux root=/dev/gpt3
        initrd /debian-installer/amd64/initrd.gz
     }
 }

modificato 40custom aggiornare grub2 con

sudo update-grub

Le voci di menu possono essere adattate al volo al momento del boot via grub2 come indicato in precedenza.

Per il net install è disponibile anche una mini.iso

http://ftp.debian.org/debian/Debian8/dists/jessie/main/installer-amd64/current/images/netboot/mini.iso

Le fasi dell’installazione di Jessie

L’installazione inizia con classica schermata  di selezione del linguaggio da utilizzare nella fase di installazione .

Jessie Selezionare linguaggio per installazione

La durata dell’installazione avvenendo via internet dipenderà dalla banda disponibile e dal numero di pacchetti che si intendono installare.

Dopo la scelta del paese ( localizzazione – select your location )

Configure locales per la combinazione di linguaggio e paese
e  la configurazione della tastiera

si passa alla configurazione della rete

Configurazione della rete

Se si hanno più interfacce di rete non è insolito la richiesta di installaizone di firmware non free

Selezione della scheda di rete primaria nella fase di installazione di Debian 8.1 Jessie

Selezione del interfaccia di rete primaria

Inserire nome del nuovo host e del domio

 

Quindi si deve selezionare un Server mirror di debian per l’installazione dei pacchetti

Partizionamento

Nella procedura di installazione sempre delicata e degna di attenzione è la  fase degna relativa al partizionamento.

Optare per il metodo manuale:

Partizionamento manuale

Selezionata la partizione #2 in disco con partizione di tipo gpt .

indicare il tipo di file system della partizione  #2 che era stata formatta ext4 in Use as:
e
indicare che si tratta della partizione root / in Mount point:

Impostazione partizione di root

Finish partitioning

 

IMPORTANTE 

Se la partizione era esistente dovrà apparire il messaggio che non ci sono modifiche da apportare alla tabella delle partizioni e non si devono creare file systems.  Solo in questo caso continuare scegliendo <YESdiversamente ripetere la fase di partizionamento

Eventuale adesione adesione popularity-contest  ( statistica sui pacchetti più usati e da inserire nel primo CDE della distro )

 

Selezione software e desktop manager

A qusto punto le altre due fasi significative sono la selezione del software da installare e l’installazione di grub2. Le opzioni possono essere selezionate contemporamente e prevedono diversi desktop manager

Installazione di grub

La procedura di installazione da terminale prevede punti di uscita al menu generale grazie al tasto ESC e  possibilità di ripetere i vari steps anche se è bene pianficare prima l’installazione e non abusare di questa possibilità.

La fase Select and Install Software

 

Configurazione di hardware ad hoc

  • AverTV Volar Green
  • Scheda grafica sapphire Amd radeon  R9 270
  • schede di rete integrata chipset realtket

All’avvio di debian 8 viene segnalato il mancato riconoscimento del AverTV Volar Green con la richiesta di installazione del firmware dvb-usb-af9035-02.fw

installare il firmware specifico con

su 
cd /lib/firmware
wget http://xgazza.altervista.org/Linux/DVB/dvb-usb-af9035-02.fw

Dual Monitor Debian jessie 8.1 AMD Radeon R9 270

Qualche problema anche con il dual monitor e la scheda grafica AMD Radeon R9 270. Uno dei due monitors non veniva riconosciuto.  La configurazione del sistema dual monitor è via XRandR. Comunque dopo installazione di

  • firmware-linux-nonfree.

e il collegamento-scollegamento del cavo video il problema si è risolto. Gli altri pacchetti presenti sono:

  • libdrm-radeon1
  • xserver-xorg-video-ati
  • xserver-xorg-video-radeon

Debian8-R9 270 synaptic

Scheda di rete realtek driver non-free

Per risolvere il problema de riconoscimento della scheda di rete realtek scaricare e installare il pacchetto dedicato dalla pagina  https://packages.debian.org/jessie/firmware-realtek

Termine dell’installazione

Schermata di avvio di debian 8.xx

 

Risorse:

Installare Master PDF Editor 3.2 in Debian 8.0 Jessie

PDFMaster PDF Editor è un applicativo multi piattaforma completo. La versione per linux è free per uso non commerciale. Attualmente per Linux è la versione 3.2 che risulta particolarmente efficace. Molte le caratterisitche: oltre alla creazione di  pfd consent editing di file pdf esistenti, possibilità di aggiungere controlli ( bottoni checkboxes, liste … ), gestione dei form, conversione dei file XPS in pdf, capacità di page split e merge, possibilità di firma digitale, supporto javascript, consente di ricercare, annotare e commentare …

masterpdfeditor 3.Storicamente la creazione di file pdf in linux non ha mai rappresentato un grande problema:

  •  praticamente di default tutte le distribuzioni forniscono filtri tipo, cups-filter,  o altri “driver” virtuali di stampa tipo cups-pdf che consentono di generare da un qualsiasi programma che supporti la stampa documenti .pdf.
  •  diversi applicativi linux prevedono già la funzione di esportazione/salvataggio in formato pdf in primis la suite libreoffice, scribus, xournal, ma anche gimp o musescore 

Più problematica invece risultava essere la modifica dei file .pdf. StoricameUltimamente la situazione è decisamente migliorata ed attualmente è possibile utilizzare l’applicativo Master PDF Editor.

Installare masterpdfeditor in Debian 8.0 64 bit

Free Master PDF Editor for Linux : la versione  3.2.11 di masterpdfeditor è disponibili in due versioni una per la libreria qt4 e una per la qt5.  Di seguito la procedura per installare in debian 8.0 Jessie la versione per qt5.

su

Installare qt5. per l’installazione completa

apt-get install qt5-default

Scaricare masterpdf da terminale e decomprimere

wget http://wget http://code-industry.net/public/master-pdf-editor-3.2.11_qt5.amd64.tar.gz
tar -xzvf master-pdf-editor-3.2.11_qt5.amd64.tar.gz

eseguire con

exit
cd master-pdf-editor-3/

./masterpdfeditor

eventualmente il permesso di esecuzione  può essere modificato con

sudo chmod +x masterpdfeditor

ma non dovrebbe essere necessario

Altri applicativi interessanti per i documenti pdf

Xournal

Xournal

Altro applicativo interessante è xournal. Xournal consente annotazione molto complesse sia di tipo grafico, anche a mano libera, che testuale. Per salvare le annotazioni in pdf  è necessario utilizzare l’opzione file > export pdf.
Xournal che non ha assolutamente la completezza di Master PDF editor è presente nei repository ufficiali da tempo e si installa da terminale con: 

apt-get install xournal

PDF-Shuffler

PDF-Shuffler è un piccola applicazione con un interfaccia grafica intuitiva che consente efficacemente di unire e suddividere documenti pdf. Permette anche la rotazione, il riarragiamento 

apt-get install pdfshuffler
pdfshuffler

pdfshuffler

 

Esistono diversi altri programmi in grado di interagire/gestire i documenti pdf. Diversi ad esempio sono i visualizzatori si va dal minimale muPDF: un visualizzatore pdf essenziale e molto veloce ai browsers internet come Firefox, Google-Chrome,  Safari … che integrano un visualizzatore pdf . Una lista degli applicativi per il formato pdf è disponibile in List of PDF software – Wikipedia, the free encyclopedia.

Altri post dedicati ai pdf presenti nel blog:

Risorse: