Debian 10 Buster installazione da live utilizzando multibootusb iso e prime impressioni


Rilasciata il 6 luglio 2019, dopo circa due anni, la versione Debian 10 Buster. La versione 9 era stata rilasciata il 17 giugno 2017.

Debian una delle prime distribuzioni linux in termini di anzianità, la prima versione risale a 25 anni fa, è nota per la sua stabilità che è legata alle rigide politiche riguardo la qualità dei pacchetti. Debian, per la struttura organizzativa che ne è alla base, è probabilmente la sola tra le grandi distribuzioni ad essere libera da interessi commerciali.
Tante le modifiche che caratterizzano il nuovo rilascio. Del resto sono circa 50000 i pacchetti presenti in stable. Tra le modifiche :

  • ampliamento del ricco elenco di piattaforme hardware supportate (friendlyARM, AllWinner).
  • EFI in primo piano. Supporto per UEFI Secure Boot.
  • Aumentati i livelli di sicurezza.
  • Java: si passa da OpenJDK 8 a OpenJDK 11.
  • Python 3 in primo piano. Python 2 sarà deprecated da gennaio 2020.
  • NFtables in sostituzione di iptables
  • Nuovo installer della live, calameres, decisamente amichevole.
  • Kernel 4.19.xx

La Debian 10.0 Buster in questo primo periodo d’uso sta lasciando un impressione, come macchina desktop, veramente positiva. Come sempre buona stabilità e e buona gestione delle risorse utilizzate. Una nota negativa le dimensioni dell’installazione base crescono ancora. La xfce al termine dell’installazione avrà un impronta di oltre 8GB. Il nuovo installer della live, calameres, è decisamente amichevole

Installazione di Debian 10.0 Buster versione xfce nonfree con iso copiata su chiavetta con multibootusb

Di seguito la procedura per installare Buster versione xfce non freee utilizzando la ISO della live copiata in una pendrive con installato multibootusb. In questo modo non sarà necessario cancellare nessuna pendrive, ne creare DVD ad hoc.
Nel blog sono presenti alcuni post dedicati a multibootusb che integra “multiboot usb( mbusb)” per l’avvio automatico di iso copiate su penna usb:

In questo caso l’installazione riguarda la versione con i driver non free quindi non la versione canonica.

sudo tar -zxvf netboot.tar.gz

La nuova interfaccia di installazione calamares richiede meno fasi di input pertanto una volta scaricata la iso l’installazione è abbastanza veloce.

Multibootusb predisposione per avvio iso debian 10 live

Procedura per avviare debian 10 Live direttamente da ISO utilizzando multiboousb.

1) Copiare la iso nella cartella /multibootusb/iso della chiavetta usb.

debian10_multibootusb_iso_deb10

2) Essendo multibootusb del 2018 è necessario predisporre un file per l’avvio della live debian10. L’operazione è agevole basta usare il file della versione debian 9 come base.

posizionarsi nella directory:

/multibootusb/grub/menus/debian

Duplicare il file live9-generic.cfg in live10-generic.cfg e
modificare nella prima riga … debian-live-9 … in … debian-live-10

debian10_multibootusb_deb10_iso_live

Il nuovo file live10-generic.cfg avrà il seguente contenuto

for isofile in $isopath/debian-live-10*.iso; do 
if [ -e "$isofile" ]; then 
    regexp --set=isoname "$isopath/(.*)" "$isofile"
    submenu "$isoname (grub.cfg) ->" "$isofile" {
       iso_path="$2"
       export iso_path
       search --set=root --file "$iso_path"
       loopback loop "$iso_path"
       root=(loop)
       configfile /boot/grub/grub.cfg
       loopback --delete loop
     }
   fi
 done

Avviare la live di debian 10 buster

Selezionare [ Scan and Boot ISOs under /multibootusb/iso –> ]

debian10_grub_iso__0_multi

Sarà visibile e disponibile per l’avvio la live 10

debian10_g_multibootusb_start_iso_live

Avvio della debian 10 live

debian10_grub_live_c

Le fasi dell’installazione di Debian Buster con calamares

L’installazione che inizia con una schermata di welcome e la selezione del linguaggio da utilizzare durante installazione è abbastanza rapida. Sono infatti diminuite le azioni richieste allo user: non viene richiesta come da tradizione la password di root da subito, lo user è inserito nel gruppo sudo come avviene in ubuntu. La configurazione della rete e del server mirror si compiono in modo automatico e trasparente. Discorso analogo per il bootloader grub.

Sono previste le seguenti fasi per l’installazione completa.


Location
Scelta del paese ( localizzazione – select your location ) con selezione di:
– linguaggio
– tipo di data e numeri

Installaer calamares location

Keyboard

Configurazione del tipo di tastiera

debian10_live_inst_3_keyboard
Installer Buster Keyboard

Partizionamento

Nella procedura di installazione come sempre delicata e degna di attenzione è la  fase relativa al partizionamento.
Debian 10 si rapporta decisamente bene con UEFI pertanto conviene utilizzare dischi con partizionamento GPT

Nel partizionamento opto per il metodo manuale. Debian buster verrà installato nella partizione 6 di un SSD Crucial MX250 con partizionamento di tipo gpt.

debian10_live_inst_4_Partitions_1
Debian Calamares Partitions

Seleziono il tipo di file system ext4 con richiesta di formattazione
Installazione completa su singola partizione pertanto indico come
mount point /

Calamares Partition Mount Point /

Adesso serve la selezione/predisposizione della partizione di boot per EFI. Per utilizzare UEFI è infatti richiesta una partizione specifica ESP (EFI sytem partition) formattata FAT32 e marcata tipicamente con i flag boot e efi.

Selezionare/Creare partizione ESP ( EFI System Partition )

Users
Inserimento dello user

debian10_live_inst_5_Users

Summary – Riepilogo

La schermata con il riepilogo delle impostazioni precede l’avvio della procedura di installazione vera e propria. E possibile controllare le varie scelte effettuare ed eventualmente ritornare indietro e modificarle.

Installer Debian 10 Riepilogo

L’installazione vera e propria si completa in alcuni minuti a seconda del hardare in uso.

debian10_live_inst_7_Install_3
Debian Buster Fase di install

Termine dell’installazione

debian10_live_inst_8_All done

Schermata di avvio di debian 10.0 xfce.

Risorse:

Annunci

Adattatore NVME NFHK e Intel SSD 660p in Linux

L’utilizzo dei dischi SSD risulta anche in ambito linux una scelta che non può essere trascurata. Se si devono caricare velocemente molti dati come accade quando si utilizzano programmi come grandorgue l’utilizzo di queste unità consente di risparmiare parecchio tempo. Operativamente il caricamento di un sample set può passare da 4 minuti a 30 secondi. Le unità SSD al momento sono disponibili in diverse versioni. Si va dal tradizionale disco da 2,5 pollici con una velocità di lettura che si attesta su circa 500MB/s alle unità NVME che utilizzando il bus dati PCIe possono viaggiare nel caso di bus 3.0 a circa 3000MB/sec. Per contro la velocità di  lettura di una unità disco tradizionale in genere non supera i 150MB/s.

L’adattatore NFHK Model:N-M201 consente di utilizzare le unità SSD di tipo NVMe quelle con le performance migliori. Il costo dell’adattatore è contenuto se acquistato su siti come gearbest, meno di 3 euro. Da amazon si può trovare a circa 9 euro. E’ bene precisare che l’utilizzo di un un disco SSD NVME ha senso solo se si dispone di uno slot  PCIe 3.0 libero con 4 linee dati disponibili ( PCI 3.0 x4 ). Diversamente la velocità decade drasticamente e può risultare inferiore anche ad un disco SSD di tipo SATA.

Esistono diversi tipi di disco SSD quelli NVMe si riconoscono per la presenza del connettore Key M.

Intel SSD 660p

Il disco Intel SSD NVMe 660p 512GB è stato introdotto nel 2018 dal costo relativamente contenuto ha prestazioni intermedie e una buona efficenza energetica. La velocità in lettura dichiarata è di 1500MB/s quella in scrittura 1000MB/s. Per una unità SSD NVMe si tratta di performance buone decisamente superiori a quelle di una unità SSD SATA ma non al top della categoria che possono superare i 3000MB/s in lettura e i 2000MB/s in scrittura.  Il 660p monta le nuove memorie QLC 3D NAND a 64 layer che consentono di incrementare la capactà di archiviazione. La memoria NAND QLC consente infatti memorizzare 4 bit per cella. Utilizzando 4 bit per cella servono 16 diversi livelli di carica per rappresentare i 4 bit.  Queste memorie QLC se da un lato consentono di contenere i costi e migliorare l’efficenza energetica dall’altro lato hanno prestazioni inferiori e una resistenza inferiore ai cicli di scrittura.  Il disco SSD 660p ha comunque una garanzia di 5 anni. Queste unità danno il meglio di se se le operazioni di lettura/scrittura hanno percetuali 70/30 ( i tempi di riposo sono sfruttati per ottimizzare cache Slc e l’utilizzo delle celle ) se si prevedono frequenti operazioni di scrittura magari con una occupazione di spazio disco alta sopra 80% è preferibile valutare unità con maggiore resistenza alla scrittura: unità SSD con memorie TLC ( a 3 bit ) o MLC ( a 2 bit ).

 

Il disco SSD NVMe 660p che ha formato M.2 2280 una volta inserito nel connettore femmina viene tenuto in posizione con la vite presente adattatore NVMe.

Utilizzo in Linux SSD 660p

L’abbinamento adapter NVMe e SSD 660p non da particolari problemi con le ultime versioni delle distribuzioni Debian ed Ubuntu.

Utilizzo in linux unità SSD 660p non riconosciuta all’avvio dalla motherboard

Ovviamente qualora si utilizzi una  scheda madre datata si assiste al mancato riconoscimento del SSD NVMe come unità di avvio. Il disco che è tranquillamente utiilzzabile una volta che il sistema viene avviato putroppo non viene elencato come unità di boot.
Il problema del mancato riconoscimento come unità aviabile del disco SSD NVMe  può essere risolto installando la sola directory di boot in un secondo disco che fungerà da unità di avvio.

Unità SSD 660p non riconosciuta all’avvio

La motherboard FM2-A85XA-G65 ha oramai qualche annetto alle spalle e non riconosce l’unità NVMe come unità avviabile.

EFI boot manager evidenzia mostra due dischi Seagate uno da 500GB selezionato e uno da 80GB. Il

Il disco Seagate ST9500 è stato utilizzato come unità di avvio. In fase di installazione la sola directory di boot è stata installata sul disco Seagate  .

La schermata di GRUB 2.0 evidenzia le distribuzioni localizzate sull’unità NVMe.

In particolare la distribuzione selezionata Debian GNU/Linux 9 (stretch) risulta installata sulla partizione 5 dell’unità  nvme (  /dev/nvme0n1p5 )

Nell’esempio ambedue i dischi sono partizionati in GPT le partizioni di boot NVME sono localizzate nel disco seagate è sono inferiori ad 1 GB. La directory di boot (/boot) in fase di prima installazione generalmente non supera i 100 MB.

Velocità di letttura e scrittura e tempo accesso misurate dal tool Benchmark Disk presente in gnome-disk-utility. Utilizzando sample da 10MB risultati in linea con le attese: lettura 1500 MB/s, scrittura 950 MB/s tempo di accesso 0,07 msec.

Ovviamente se non si dispone di uno slot  PCIe 3.0 libero con 4 linee dati disponibili ( PCI 3.0 x4 ) il risultati potrebbero anche ricordare un SSD Sata anche poco performante.

Nota finale in un utilizzo di linux standard le performance operative complessive dell’unità SSD intel 660p potrebbero non discostarsi molto dalle unità SSD tradizionali.

Risorse:

Linux installazione Full su pendrive USB e multibootusb

Le pendrive USB oramai offrono  a costi ragionevoli una quantità di spazio in termini GB di tutto rispetto (64/128GB) ,  con prestazioni superiori ad un hard disk tradizionale velocità superiori ai 250MB/s in velocità di lettura che possono superare  i 100 MB/s in scrittura ( Benchmark di chiavette USB flash drive memoria stick pendrive USB in Linux ). Le tradizionali distribuzioni linux Live seppur assistite dalla persistenza purtroppo non risultano abbastanza funzionali. Infatti per la persistenza viene utilizzato un unico file il cui accesso dall’esterno risulta problematico. Inoltre se su partizione FAT32 non rappresentano il massimo in termini di stabilità. Quindi è preferibile anche disporre di una installazione di Linux completa direttamente su USB ( full Linux USB) .

Questa operazione può essere portata agevolmente in porto installando linux direttamente su chiavetta usb come se si trattasse di un hard disk interno.
Il problema del booting può essere affrontato con successo sfruttando la praticità di un tools come multibootusb (  Multibootusb installazione e utilizzo in debian 9.xx ) che consente anche l’avvio diretto delle ISO.
Anzi grazie a multibootusb  potremmo avere a disposizione su una pendrive USB :

  • distribuzioni LIVE avviabili magari con la persistenza
  • distribuzioni linux in formato ISO
  • installazioni complete Linux su USB
  • installazioni clonate full linux
  • copie di backup delle configurazioni di grub ( grub.cfg) dei propri computers.

Il tutto può essere testato ( menu e distribuzioni ) senza riavviare il computer grazie all’opzione Boot ISO/USB che si appoggia all’emulatore  QEMU.

Fattore critico, la chiavetta, che deve essere di buona qualità. Diversamente se ad esempio viene persa la connessione USB si ha il “freeze” del sistema Linux.

Dopo aver installato 2 Live, 4 full distro ( Debian, MX, Ubuntu, Starky )  e aver copiato diverse copie di backups su una chiavetta samsung muf da 128GB il menu GRUB si potrebbe presentare nel modo seguente.

Le voci evidenziate sono ottenute rinominando  i file grub.cfg generati dalle procedure di grub-install  e/o update-grub e copiandoli nella directory grub di multibootusb.

Viste le diverse copie di configurazioni grub.cfg utilizzate  la directory grub di multibootusb potrebbe diventare un po’  affollata.

Le modifiche al file principale grub.cfg sono fatte manualmente e consistono in semplici menuentry che richiamano gli altri file grub.cfg copiati:

#start Avvio MX183-full msdos3
menuentry 'x Avvio MX183-full - msdos3/USB' {configfile /multibootusb/grub/grub_MX183_full.cfg}

Cliccando ad esempio il menu entry  sopra elencato ‘x  avvio MX183 …. ‘  infatti si ottiene un nuovo menu grub.

Come evidenziato sono presenti diverse copie di backup di file grub.cfg rinominati di vari computers.
Infatti può fare comodo avere copie di backup di grub.cfg  per avvi di emergenza sopratutto quando si attivano procedure di manutenzione che coinvolgono gli hard disk.
La schermata di un GRUB.cfg di backup.

Alcune distribuzioni  potrebbero essere installate utilizzando l’opzione per l’avvio diretto delle ISO di nultiboot.
La funzionalità dell’avvio diretto delle ISO è supportata dalla versione 8.9 di multibootusb e utilizza la procedura  ( MultiBoot USB avviare ISO da pendrive USB ) di Agus Lopez. Le ISO che sono accessibili con menu <scan and boot ISOs under /multibootusb/iso -> però non possono trovarsi nella stesso disco su cui si effettua l’installazione.

Un elenco di  ISO automaticamente individuate e direttamente avviabili in una chiavetta con multibootusb.

L’installazione della distribuzione linux su chiavetta USB avviene in modo tradizionale.
E’ importante prestare attenzione alla gestione del partizionamento.
E preferibile partizionare preventivamente la chiavetta USB. La partizione per multiboot è bene che sia di tipo FAT32. In questo caso è di circa 40 GB.
Il partizionamento potrebbe essere sia MBR che GTP.  Visto l’uso anche come chiavetta per avvi di emergenza si può optare per la soluzione più conservativa la MBR.

L’installazione è bene che sia tutta su una sola partizione quella di root ( /).

E’ meglio evitare la creazione della partizione di swap, per non stressare troppo l’unità usb .

All’atto dell’installazione potrebbe essere preferibile non installare grub così da evitare la sovrascrittura e di dover reinstallare il bootloader di multibootusb.

Quando si dispone di una distribuzione linux full installata è possibile con una ISO Live e la modalità chroot lanciare il comando  l’update-grub e ottenere un nuovo file.grub.cfg in grado di avviare TUTTE le full presenti nella pendrive usb. Queste operazioni possono essere eseguite a livello di emulatore QEMU supportato da multibootusb.

In figura MX 8.3 Live da ISO nell’ ambiente QEMU.  I comandi usati per ottenere il file grub.cfg sono visibili nel terminale.

MX è installato nel partizione sda3.

sudo su
mount /dev/sda3 /mnt

mount --bind /dev /mnt/dev
mount --bind /proc /mnt/proc
mount --bind /sys /mnt/sys

adesso lavorariamo grazie a chroot sul sistema montato

chroot /mnt

aggiorniamo grub con

update-grub

uscire  da chroot e smontare i percorsi del sistema

exit

umount /mnt/dev
umount /mnt/proc
umount /mnt/sys 

umount /mnt

 

Sempre dall’interno della Live si può copiare il file grub.cfg in multimediausb/grub

mkdir /media/sda1     # partizione FAT32 con multibootusb
mkdir /media/sda3     # partizione ext4 per MX 18.3 

mount /dev/sda1  /media/sda1
mount /dev/sda3  /media/sda3

per sicurezza meglio avere una copia del grub.cfg di multibootusb

cp /media/sda1/multibootusb/grub/grub.cfg   /media/sda1/multibootusb/grub/grub_copia.cfg

copiare rinominando il file grub.cfg prodotto con l’update-grub per l’avvio delle Live

cp /media/sda3/boot/grub/grub.cfg /media/sda1/multibootusb/grub/grub_Lfull.cfg

il menu entry

#start Avvio grub 2 personal 
menuentry 'x Avvio Full Linux - All/USB' {configfile /multibootusb/grub/grub_full.cfg}

consentirà di visualizzare la seguente schermata grub

 

 

Risorse:

MX Linux 18.xx – una valida debian linux derivative

MX-menu icon piramidi
Non c’è che dire con la versione 18 “Continuum” MX Linux è diventata veramente una bella distribuzione configurabile anche da chi e’ alle prime armi. Basata su Debian Stable ne eredità la stabilità ed efficienza e grazie al desktop manager XFCE ha una buona velocità. La scelta delle applicazioni è curata. Le funzionalità di XFCE sono estese dalla presenza di  molti tools specifici ben fatti che ne migliorano decisamente l’usabilità e che si fanno apprezzare non solo dai neofiti.
Come Live e come secondo sistema operativo MX, in questo momento, è una scelta quasi obbligata. Del resto questo apprezzamento vedo che è condiviso da molti visto che adesso MX è la distribuzione al primo posto della classifica ( distro più ricercate ) visibile nella home di distrowatch .
La versione corrente è la MX 18.3 rilasciata il 26 maggio 2019.  Utilizza il Kernel  4.19 ed è basata su Debian 9.9 Stable.
MX si appoggia come sempre alla comunità storica MEPIS linux e al core antiX. Dispone di un proprio repository MX. Lo sviluppo di MX linux è ospitato presso sourceforge  https://sourceforge.net/projects/mx-linux/files/
L’avvio della live deve molto ad AntiLinux ed è possibile attivare la persistenza tasto F5 che è dichiarata fino a 20 GB.
Entrati fa bella mostra di se la finestra MX Welcome un buon punto di partenza sopratutto per i neofiti/principianti. Da un punto di vista estetico non passa inosservato conky per la cui configurazione è presente la app conky in MX tools: diversi i template precompilati disponibili.
Il pannello XFCE posizionato in modo originale a sinistra potrebbe non piacere a tutti. Comunque oltre agli strumenti XFCE che consentono di personalizzare la deskbar(panel), viene fornito Tweak che ne faciliità ulteriormente la configurazione.

MX tools / MX Strumenti

La sezione MX tools è senz’altro una delle più interessanti con molte applicazioni che semplificano le varie attività facendo risparmiare tempo. La sezione va a completare ed arricchire la sezioni settings di XFCE.
La finestra MX tools.
Sezione Live-USB
Completa la sezione Live, utile anche agli utenti più navigati, agevola la creazione di una distribuzione Linux con proprie personalizzazioni. Snapshot consente di creare una ISO avviabile a partire dal proprio sistema di lavoro che può essere utilizza come copia ma che può anche essere distribuita. RemasterCC consente di modificare e personalizzare una ISO così da produrre una nuova master pronta anche per la distribuzione.
MX Live Usb Maker è il valido applicativo per creare una chiavetta USB a partire da una ISO, diverse le opzioni avanzate presenti.
XFCE manca di una specifica app per la gestione degli user in questo caso troviamo User Manager.
Sono presenti apps per facilitare l’installazione dei driver nvidia e dei codecs.

Software e applicazioni 

MX viene proposto con una buona base di applicazioni pre-installate. Nella live da circa 1.5GB sono presenti oltre ai software diversi utili e polari software per gli ambiti  multimedialità, ufficio, grafica etc.
I gestori di MX linux hanno comunque voluto agevolare e facilitare  l’installazione del software con MX Package Installer.
Diverse le sezioni disponibili in MX package Installer. In Popular Application è disponibile una selezione di pacchetti software che possono essere installati velocemente.  Ben organizzati per categoria indubbiamente semplificano la vita ad un utente alle prime armi. E’ possibile ad esempio installare agevolemente le ultime versioni di VirtualBox e  Wine. E’ disponibile  anche Virtual Master pdf editor. La creazione modifica di pdf  è sempre un punto dolente di linux e Master pdf Creator a questo proposito si fa apprezzare.
Chi vuole comunque accedere alle molte migliaia di pacchetti debian sono disponibili le sezioni Stable Repo, MX Test  Repo, Debian Backports.
Disponible anche l’installazione di software dal hub flatpak un sistema di distribuzione del software pensato per essere indipendente dalla distribuzione.

La sezione system

Ben articolata anche la tradizionale sezione system.

Installazione su hard disk di MX 18.xx “Continuum”

L’installazione su disco di MX  richiama quella della distribuzione antiX ed è veloce e semplificata. L’ unica vera difficoltà per un neofita la conoscenza di cosa sono le partizioni. Va evidenziato comunque che viene fornito un utile manuale con la fase di installazione. MX è disponibile anche in italiano. Al termine dell’installazione su disco avremo poco meno di 5GB di spazio utilizzato.
MX Linux è disponibile a 32bit e a 64bit  versione PAE . La versione PAE (  Physical Address Extension ) è una modalità per consentire ad un sistema a 32 bit di accedere a RAM oltre i 4GB.
Se la cpu non supporta PAE ( architettura obsoleta ) non è possibile installare MX 18.xx. In questo caso si deve optare per antiX. In genere le distro Linux non-PAE sono come le Linux PAE l’unica differenza è l’uso del kernel  486 invece di quello 686. Per determinare se la cpu è PAE si può utilizzare inxi -f
# inxi -f
CPU:       Octa core Intel Xeon E5-2658 0 (-HT-MCP-) cache: 20480 KB 
           clock speeds: max: 2400 MHz 1: 1977 MHz 2: 2088 MHz 3: 2096 MHz 4: 2083 MHz 5: 2085 MHz 6: 2100 MHz
           7: 2023 MHz 8: 2062 MHz 9: 1743 MHz 10: 1863 MHz 11: 1496 MHz 12: 2004 MHz 13: 2028 MHz 14: 1492 MHz
           15: 2044 MHz 16: 2099 MHz
           CPU Flags: acpi aes aperfmperf apic arat arch_perfmon avx bts clflush cmov constant_tsc cx16 cx8 dca
           de ds_cpl dtes64 dtherm dts epb ept est flexpriority flush_l1d fpu fxsr ht ibpb ibrs ida kaiser
           lahf_lm lm mca mce md_clear mmx monitor msr mtrr nonstop_tsc nopl nx pae pat pbe pcid pclmulqdq pdcm
           pdpe1gb pebs pge pln pni popcnt pse pse36 pts rdtscp rep_good sep smx ss ssbd sse sse2 sse4_1 sse4_2
           ssse3 stibp syscall tm tm2 tpr_shadow tsc tsc_deadline_timer vme vmx vnmi vpid x2apic xsave xsaveopt
           xtopology xtpr

Gestione dei servizi e del sistema

Per quanto riguarda la gestione dei servizi e dei sistemi MX va controcorrente non si appoggia a Systemd ma di default utilizza SysV init. Sistemd è installato ma non lavora salvo che per questioni di compatibilità. Il manuale di MX a questo proposito chiarisce:
Citazione:1.7 Le Nostre Scelte
1.7.1 Systemd
Dato che l’uso di systemd come gestore di sistemi e servizi è stato oggetto di controversie, vogliamo essere chiari sulla sua funzione in MX Linux. Systemd è incluso per impostazione predefinita ma non è abilitato.
Puoi controllare il tuo sistema MX e troverai file che contengono il nome systemd*, tuttavia essi forniscono semplicemente una base di aggancio e di compatibilità se si rendesse necessario.
MX Linux usa systemd-shim, che emula le funzioni di systemd necessarie per eseguire gli helper senza utilizzare effettivamente il servizio init. Ciò significa che SvsVinit rimane il servizio di init predefinito ma nel contempo MX Linux può continuare ad usare i pacchetti Debian che hanno dipendenze con systemd come ad es. CUPS. Questo approccio consente inoltre all’utente di mantenere la possibilità di scegliere il proprio init preferito.
Un metodo base per abilitare systemd in MX Linux è reperibile nel Wiki di MX/antiX, sebbene non venga fornito alcun supporto ufficiale per gli utenti che scelgano di eseguire MX Linux usando systemd
Risorse:

SQLWorkbench configurare per MySQL – Extended Properties

SQLWorkbench è un SQL query tool free particolarmente efficace che supporta un ampio numero di DBMS. Scritto in Java è in grado di interfacciarsi con qualsiasi database per il quale sia disponibile un JDBC driver.  Essendo in java SQLWorkbench potrebbe essere eseguito in qualsiasi Sistema Operativo che disponga di JRE ( Java Runtime Environment)

Tra i database supportati e testati ci sono MySQL e MariaDB SQL. Di seguito i passi per “installare” e configurare SQLWorkbench per MySQL. 
La configurazione per il database postgresql nel post: SQLWorkbench build 125 configurare per PostgreSQL – debian 9.xx

L’ultima versione stabile è la Build 125 del 5 maggio 2019.
Release Note Build 125. Con questa release si è avuto un cambio nel layout delle directory. Tutte le librerie addizionali ( es. esportazione excel ) ora si trovano nella sottodirectory /ext. Pertanto conviene effettuare il download con tutte le librerie opzionali che verranno posizionate correttamente.

Di fatto SQLWorkbench non necessita di una vera installazione è sufficiente scaricare il pacchetto generico, decomprimere e lanciare lo script sqlworkbench.sh. Per poter utilizzare SQLWorkbench è ovviamente necessario java JRE.

Controllare la versione java disponibile con java -version

# java -version
openjdk version "1.8.0_212"
OpenJDK Runtime Environment (build 1.8.0_212-8u212-b03-2~deb9u1-b03)
OpenJDK 64-Bit Server VM (build 25.212-b03, mixed mode)

Configurare e Installare SQLWorkbench per MySQL

Il pacchetto SQLWorkbench è disponibile alla pagina

http://www.sql-workbench.net/downloads.html

Per poter interagire con MySQL serve inoltre lo specifico driver JDBC. Il driver che andra opportunamente configurato in SQLworkbench è scaricabile dalla pagina
https://dev.mysql.com/downloads/connector/j/
la versione corrente di mysql JDBC Driver è la 8.0.16.
Scaricare la versione JDBC Platform independent

una volta scaricato il driver effettuare il check md5 con

# md5sum mysql-connector-java-8.0.16.tar.gz 
3cd3a2cfa510b48fc54fadfc1db5db61  mysql-connector-java-8.0.16.tar.gz# md5sum mysql-connector-java-8.0.16.tar.gz 

decomprimere con

#  tar zxvf mysql-connector-java-8.0.16.tar.gz 

Il driver estratto

mysql-connector-java-8.0.16.jar

andrà copiato nella directory /ext di sqlworkbench

Operando da terminale

scegliamo la directory opt per l’applicazione quindi

su 
mkdir /opt/sqlworkbench
cd /opt/sqlworkbench

SQLWorkBench 125 con le librerie opzionali occupa circa 26MB e può essere scaricato con

# wget http://www.sql-workbench.eu/Workbench-Build125-with-optional-libs.zip ... Workbench-Build125-with-op 100%[=======================================>]  26.40M  1.03MB/s    in 26s  wget http://www.sql-workbench.eu/Workbench-Build125-with-optional-libs.zip

Decomprimiamo il pacchetto con

# unzip Workbench-Build125-with-optional-libs.zip 

Rendiamo eseguibile per tutti gli users lo script di avvio workbench.sh

# chmod a+x sqlworkbench.sh 

copiare il driver mysql-connector-java-8.0.16.jar che dovrebbe trovarsi in

Download/mysql-connector-java-8.0.16

in
/opt/sqlworkbench/ext

Volendo si può creare un link simbolico a sqlworkbench nel desktop con

ln -s /opt/sqlworkbench/sqlworkbench.sh sqlworkbench

avviamo. Come sempre all’ avvio la finestra in primo piano è quella per creare un profilo di connessione.

Per connettersi a MySQL è necessario a questo punto configurare il driver.

  • Click sul pulsante Manage Drivers
  • In primo piano ci sarà  la finestra Manage drivers

  • Selezionare MySQL dall’ elenco di destra con i DBMS supportati
  • Click sul pulsante cartella in alto a sinistra e selezionare il file driver JDBC per mysql. Evidenziato in giallo era stato precedentemente scaricato nella cartella ext. Premere Open apparirà nella Library il driver .jar quindi premere OK.
  • a questo  punto è possibile completare il profilo di connessione

Si dovrà inserire:

  • nome per la connessione
  • nell URL: host (ip, dominio), porta e database
  • username e password

Se si verifica l’errore:

"The server time zone value 'EDT' is unrecognized or represents more than one time zone. You must configure either the server or JDBC driver (via the serverTimezone configuration property) to use a more specifc time zone value if you want to utilize time zone support."

E’ necessario impostare la variabile serverTimezone = UTC utilizzando il pulsante [ Extended Properties ].

Collegamento diretto a server arvixe

Ricercare una stringa in tutto il database mysql

SQLworkbench in azione. Grazie alla funzione  WbGrepData è possibile ricercare una stringa in qualsiasi campo (field) di tutte le tabelle del database. In questo caso la ricerca della stringa maurizio

WbGrepData -searchValue=maurizio -tables=* -types=table

viene riscontrata in 3 tabelle mysql. Tutte chiaramente visualizzate.

Database Compatibili con SQLworkbench

Risorse:

SQLWorkbench build 125 configurare per PostgreSQL – debian 9.xx

SQLWorkbench è un SQL query tool free particolarmente efficace che supporta un ampio numero di DBMS. Scritto in Java è in grado di interfacciarsi con qualsiasi database per il quale sia disponibile un JDBC driver.  Essendo in java SQLWorkbench potrebbe essere eseguito in qualsiasi Sistema Operativo che disponga di JRE ( Java Runtime Environment).

L’ultima versione stabile è la Build 125 del 5 maggio 2019.
Release Note Build 125.
Con questa release si è avuto un cambio nel layout delle directory. Tutte le librerie addizionali ( es. esportazione excel ) ora si trovano nella sottodirectory /ext.
pertanto conviene effettuare il download con tutte le librerie opzionali che verranno posizionate correttamente.

 Tra i database supportati e testati non poteva mancare PostgreSQL. Di seguito i passi per “installare” e configurare SQLWorkbench per PostgreSQL.

Essendo in Java l’ applicativo SQLWorkbench prevede un package generico che va bene per tutti i sistemi. Di fatto non necessita di una vera installazione è sufficiente scaricare il pacchetto generico, decomprimere e lanciare lo script sqlworkbench.sh. Per poter utilizzare SQLWorkbench è necessario java JRE. Possiamo controllare la versione java disponibile con java -version

# java -version
openjdk version "1.8.0_212"
OpenJDK Runtime Environment (build 1.8.0_212-8u212-b03-2~deb9u1-b03)
OpenJDK 64-Bit Server VM (build 25.212-b03, mixed mode)

per installare Oracle JRE  manualmente su macchina linux si può fare riferimento  al post   Oracle Java Runtime 8 installazione manuale – versione 8.121 – Debian 8.xx 64 bit

Configurare e Installare SQLWorkbench per PostgreSQL


Il pacchetto SQLWorkbench è disponibile alla pagina

http://www.sql-workbench.net/downloads.html

Per poter interagire con postgresql serve inoltre lo specifico driver JDBC.

Aggiornamento il 18/06/2019 a distanza di circa un anno è stata rilasciata la nuova versione del driver jdbc: PostgreSQL JDBC Driver 42.2.6.
Il driver che andra opportunamente configurato in SQL workbench è scaricabile all’indirizzo

https://jdbc.postgresql.org/download.html

Operando con il terminale

scegliamo la directory opt per l’applicazione quindi

su 
mkdir /opt/sqlworkbench
cd /opt/sqlworkbench

SQLWorkBench 125 con le librerie opzionali occupa circa 26MB e può essere scaricato con

# wget http://www.sql-workbench.eu/Workbench-Build125-with-optional-libs.zip ... Workbench-Build125-with-op 100%[=======================================>]  26.40M  1.03MB/s    in 26s  wget http://www.sql-workbench.eu/Workbench-Build125-with-optional-libs.zip

Decomprimiamo il pacchetto con

# unzip Workbench-Build125-with-optional-libs.zip 

Rendiamo eseguibile per tutti gli users lo script di avvio workbench.sh

# chmod a+x sqlworkbench.sh 

La pagina con i JDBC Drivers di Postgresql
https://jdbc.postgresql.org/download.html
il nuovo PostgreSQL JDBC Driver 42.2.6 (16-06-2019) è scaricabile da terminale con

# cd ext 
# wget https://jdbc.postgresql.org/download/postgresql-42.2.6.jar

Volendo si può creare un link simbolico nel desktop con

ln -s /opt/sqlworkbench/sqlworkbench.sh sqlworkbench

avviamo.

Come per le versioni precedenti all’ avvio la finestra in primo piano è quella per creare un profilo di connessione.

Per connettersi a postgresql è necessario a questo punto configurare il driver.

  • Click sul pulsante Manage Drivers
  • In primo piano ci sarà  una nuova finestra Manage drivers
  • Selezionare postgreSQL dall’ elenco di destra con i DBMS supportati
  • Click sul pulsante cartella in alto a sinistra e selezionare il file driver JDBC per postgresql. Evidenziato in giallo era stato precedentemente scaricato nella cartella ext. Premere Open apparirà nella Library il driver .jar quindi premere OK.
  • a questo  punto è possibile completare il profilo di connessione

Si dovrà inserire:

  • nome per la connessione
  • nell URL:  host, porta e database
  • username e password

Collegamento a server postgresql AWS via tunnel ssh 127.0.0.1:54325 porta 54325 ( ssh tunnel per accedere a servizi http, postgresql, samba in remoto )

Ricercare una stringa in tutto il database postgresql

SQLworkbench in azione. Grazie alla funzione  WbGrepData è possibile ricercare una stringa in qualsiasi campo (field) di tutte le tabelle del database. In questo caso la ricerca della stringa Zeus

WbGrepData -searchValue=Zeus -tables=public.* -types=table

viene riscontrata in 18 tabelle postgresql. Tutte chiaramente visualizzate.

Database Compatibili con SQLworkbench

Risorse:

efibootmgr – l’applicazione per interagire e modificare l’ EFI Boot Manager – Linux

efibootmgr è un’applicazione userspace utilizzata per modificare il Boot Manager Extensible Firmware Interface (EFI) di Intel. EFI che oramai ha rimpiazzato il BIOS è l’interfaccia firmware che si occupa del modo in cui hardware e software comunicano in un computer. Tra i benefici di EFI è di essere non legato all’architettura x86.  Attualmente viene implementata l’estensione di  EFI denominata UEFI (Unified EFI ).  Tra i compiti di UEFI c’è proprio anche quello di occuparsi dei servizi di Boot. Grazie ad UEFI è possibile avviare diversi sistemi operativi Linux, Mac, Windows senza la necessità di un bootmanager esterno. UEFI infatti può automaticamente selezionare la partizione appropriata con il sistema operativo. L’unica condizione è che l’hardware e  il software ( SO ) supportino le specifiche UEFI.

Esempi di UEFI Boot Menu.

AsRock FM2 – AMD
x79-Xeon

ATTENZIONE: nei primi tempi le implementazioni UEFI, seppur lungimiranti, sono state accompagnate da diversi bug anche peggiorativi rispetto alla controparte BIOS. In questi casi l’utilizzo di efibootmgr si deve accompagnare alla conoscenza della motherboards specifica. 
In generale poichè si potrebbe anche rendere necessario il caricamento del firmware della MB si sconsiglia la modifica con efibootmgr ( anche nel caso dei Macintosh si sconsiglia la modifica con efibootmgr dei menu entry).
Per disporre di un boot manager userfriendly  si consiglia di valutare l’uso di rEFInd.

Boot Manager: rEFInd

Verificare che il sistema sia stato avviato in UEFI mode

Per poter utilizzare efibootmgr è necessario che le variabili filesystem EFI ( EFI vars )  siano accessibili. Questo implica che il sistema sia stato avviato in EFI mode.

In debian:

# sudo [ -d /sys/firmware/efi ] && echo "EFI boot on HDD" || echo "Legacy boot on HDD"
EFI boot on HDD

dal kernel 4.0 si può verificare che l’avvio sia avvenuto in EFI mode con

# cat /sys/firmware/efi/fw_platform_size
se UEFI mode
64  # se 64 bit 
32  # se 32 bit 
diversamente No UEFI mode  
cat: /sys/firmware/efi/fw_platform_size: No such file or directory 

Per visualizzare le variabili EFI si può utilizzare il comando

# efivar –list

Altro comando per verificare l’avvio in EFI mode

#mount | grep efivars
efivarfs on /sys/firmware/efi/efivars type efivarfs (ro,relatime)

Se  il sistema NON è stato avviato in EFI mode digitando efibootmgr avremo il seguente messaggio:

# efibootmgr 
EFI variables are not supported on this system.

UEFI Boot Manager

Usualmente un Computer UEFI mette a disposizione anche tool di configurazione per il menu del Boot Manager EFI. Se il tool non è sufficientemente amichevole  è preferibile utilizzare il già citato rEFInd oppure l’applicazione efibootmgr oggetto del post.

Efibootmgr

Efibootmgr può creare e rimuovere le voci nel menu di avvio UEFI, modificare l’ordine delle voci nel menu e altro ancora.

In debian/ubuntu  efibootmgr si installa da terminale al solito con

# apt install efibootmgr

lanciato efibootmgr verranno visualizza i dati relativi all’ UEFI Boot Manager con il menu di Avvio UEFI, la voce di avvio corrente del sistema, l’ordine di visualizzazione,…

# efibootmgr 
BootCurrent: 0001
Timeout: 1 seconds
BootOrder: 0000,0001,0006,0004,0005,0002
Boot0000* ubuntu
Boot0001* mx
Boot0002* UEFI: Built-in EFI Shell 
Boot0004* Hard Drive 
Boot0005* USB 
Boot0006* UEFI: Samsung Flash Drive 1100

Il menu di avvio è composto da 6 voci: Boot0000, Boot0001, …

BootCurrent: la prima linea evidenzia quella che è la voce predefinita del menu di avvio. In questo caso mx.

Timeout: il tempo di attesa del menu di avvio che risulta di default inpostato a 0 infatti in genere non si riesce a vedere il menu di avvio.

BootOrder: la successione che verra seguita qualora il precedente menu entry non venga caricato / fallisca il caricamento.
Nell’esempio l’ordine seguito sarà: 0000,  0001, 0006, 0004, 0005, 0002

E ‘  possibile visualizzare le voci del menu EFI  in modo completo utilizzando l’opzione -v verbose

# efibootmgr 
BootCurrent: 0001
Timeout: 1 seconds
BootOrder: 0000,0001,0006,0004,0005,0002
Boot0000* ubuntu	HD(2,GPT,defb0216-f5f6-4969-8345-ff816517a944,0xee800,0x1ad000)/File(\EFI\ubuntu\shimx64.efi)
Boot0001* mx	HD(1,GPT,9c281ac1-76a6-4b39-b2c2-ff65b0d0bef6,0x800,0x1ef000)/File(\EFI\mx\grubx64.efi)
Boot0002* UEFI: Built-in EFI Shell 	VenMedia(5023b95c-db26-429b-a648-bd47664c8012)AMBO
Boot0004* Hard Drive 	BBS(HD,,0x0)AMGOAMNO........m.S.e.a.g.a.t.e. .S.T.9.5.0.0.5.6.2.0.A.S....................A.........................>..Gd-.;.A..MQ..L. . . . . . . . . . . . .Y.5.1.X.D.C.C.9......AMBO
Boot0005* USB 	BBS(USB,,0x0)AMGOAMNO........s.S.a.m.s.u.n.g. .F.l.a.s.h. .D.r.i.v.e. .1.1.0.0....................A.......................F..Gd-.;.A..MQ..L.S.a.m.s.u.n.g. .F.l.a.s.h. .D.r.i.v.e. .1.1.0.0......AMBO
Boot0006* UEFI: Samsung Flash Drive 1100	PciRoot(0x0)/Pci(0x10,0x0)/USB(2,0)/HD(1,MBR,0x23,0x800,0x4e3e800)AMBO

In questo caso è possibile individuare anche le informazioni relative al percorso del bootloader. Ad esempio la varibile mx, ( Boot0001) relativa alla derivativa debian, mx linux, evidenzia che il booloader è di fatto GRUB. Il percorso con la configurazione efi ( grubx64.efi), menu entry ( mx) per il bootloader grub nella partizioni EFI system partition risulta essere (\EFI\mx\grubx64.efi ). La partizione è localizzata nel disco 1 che è partizionato GPT.

Cambiare il Timeout

Se si desidera visualizzare il menu per poter scegliere sempre dal bootmanager EFI si può portare il timeout a 5 srecondi con

efibootmgr -t 5

Cambiare l’ordine di avvio

Per cambiare l’ordine di avvio si utilizza l’opzione -o

efibootmgr -o 0001,0000,0006,0004,0005,0002

è possibile cambiare l’ordine solo per il primo successivo avvio.
In questo caso si usa l’opzione -n

efibootmgr -n 0002

Creare una voce nel menu di boot EFI

Per aggiungere un entry al menu EFI si usa l’opzione -c

efibootmgr -c -d /dev/sdb -p 2 -L “Debian” -l “\EFI\debian\grubx64.efi”

efibootmgr -c -d /dev/sdb -p 1 -L "multibootusb" -l "\EFI\boot\bootx64.cfg"
  • --create or -c crea una nuova voce;
  • --part or -p seguito dal numero di partizione della Partizione di Sistema EFI;
  • --disk or -d seguito dal disco nel quale la Partizione di Sistema EFI è ospitata;
  • --label or -L seguito dall’etichetta da utilizzare come voce nel menu di avvio;
  • --loader or -l seguito dal percorso dell’immagine EFI da avviare \EFI\boot\bootx64.cfg.

Cancellare una voce dal menu EFI

per cancellare un voce di menu di utilizza l’opzione -B

efibootmgr -b 4 -B

–bootnum (-b) seleziona la voce del menu da cancella
–delete-bootnum (-B) effettua la cancellazione

Se la voce cancellata era la prima fare attenzione e cambiare l’ordine di avvio dei menu.

UEFI Bootloader di fallback

Nelle specifiche UEFI 2.3, section 3.4.1.2, si precisa che in assenza di boot variabili configurate è permesso al firmware trattare la EFI system partition come media rimovibile – il percorso di boot sarà EFI/boot/bootx64.efi.

Quindi va considerata l’opportunità dell’installazione di un bootloader di fallback. Di seguito esempi di bootloader di fallback per debian e window

Nel caso di Debian Linux boot entry in NVRAM debian percorso di Boot EFI nella partizione EFI system partition:

EFI/debian/grubx64.efi

il percorso del bootloader di fallback risulta essere

EFI/boot/grubx64.efi

ad esempio nel caso di window variabile di boot configurata: microsoft
oltre a percorso di boot

EFI/microsoft 

potremmo avere il percorso di fallback

EFI/boot/bootx64.efi  

 

Opzioni efibootmgr:

-a | –active
Sets bootnum active
-A | –inactive
Sets bootnum inactive
-b | –bootnum XXXX
Modify BootXXXX (hex)
-B | –delete-bootnum
Delete bootnum (hex)
-c | –create
Create new variable bootnum and add to bootorder
-d | –disk DISK
The disk containing the loader (defaults to /dev/sda)
-e | –edd 1|3|-1
Force EDD 1.0 or 3.0 creation variables, or guess.
-E | –device NUM
EDD 1.0 device number (defaults to 0x80)
-g | –gpt
Force disk with invalid PMBR to be treated as GPT
-H | –acpi_hid XXXX
set the ACPI HID (used with -i)
-i | –iface NAME
create a netboot entry for the named interface
-l | –loader NAME
Specify a loader (defaults to \\elilo.efi)
-L | –label LABEL
Boot manager display label (defaults to “Linux”)
-n | –bootnext XXXX
Set BootNext to XXXX (hex)
-N | –delete-bootnext
Delete BootNext
-o | –bootorder XXXX,YYYY,ZZZZ
Explicitly set BootOrder (hex)
-O | –delete-bootorder
Delete BootOrder
-p | –part PART
Partition number containing the bootloader (defaults to 1)
-q | –quiet
Quiet mode – supresses output.
–test filename
Don’t write to NVRAM, write to filename.
-t | –timeout seconds
Boot Manager timeout, in seconds.
-T | –delete-timeout
Delete Timeout variable.
-u | –unicode | –UCS-2
pass extra command line arguments as UCS-2 (default is ASCII)
-U | –acpi_uid XXXX
set the ACPI UID (used with -i)
-v | –verbose
Verbose mode – prints additional information
-V | –version
Just print version string and exit.
-w | –write-signature
write unique signature to the MBR if needed
-@ | –append-binary-args
append extra variable args from file (use – to read from stdin). Data in file is appended as command line arguments to the boot loader command, with no modification to the data, so you can pass any binary or text data necessary.

Risorse: