Archive

Archive for the ‘Webmaster’ Category

WordPress password dimenticata

wordpress.org Se si è dimenticata la password di amministratore di wordpress e il servizio di posta non è disponibile, per  recuperare l’accesso e l’installazione è possibile:

1) accedere al file wp-config.php
2) generare una nuova password inserendola direttamente nel database mysql.

1 ) accedere al file wp-config.php nella directory principale di wordpress. Il file wp-config contiene le informazioni di accesso al database grazie alle quali è possibile accedere alla tabella  _users con i dati e le password degli utenti

// ** MySQL settings - You can get this info from your web host ** //
 /** The name of the database for WordPress */
 define('DB_NAME', 'wpblog');
/** MySQL database username */
 define('DB_USER', 'wpdbadmin');
/** MySQL database password */
 define('DB_PASSWORD', 'miapassword');
/** MySQL hostname */
 # define('DB_HOST', 'localhost');
 define('DB_HOST', '192.168.1.100:3306');

WordPress passwords basate sul php password hashing.

Le password in word press sono memorizzate nella tabella xx_users

wp_passwd_adminer_1

2) Se si dispone dell’accesso al database mysql via phpMyAdmin o Adminer è possibile recuperare l’accesso a wordpress sostituendo la vecchia password ( dimenticata ) con una nuova password. Per la “crittografia” delle password wordpress utilizza il Portable PHP password hashing framework  ( le prime versioni utilizzavano invece MD5 ).

Il formato di una password che utilizza il php password hashing è facilmente distinguibile dal formato MD5.

php password hashing:   $P$BEMeAQICR602UR9RGRYtzzGz9SNKVA.
MD5 :  551583c11e1e3c9d8e6aeea9a84fe143

La classe con l’algoritmo per la gestione delle password è contenuta nel file ./wp-includes/class-phpass.php. Quindi per generare ad esempio la password di “MyPassword” è sufficiente disporre del file class-phpass.php e includerlo ad esempio nel file passwd_wp.php contenente uno script del tipo:

<!–?php

/** We want to hash password using the current DEFAULT algorithm. */
require(‘./class-phpass.php’);

/** Simple  instruction to generate password and/or to check password. */
$wp_hasher = new PasswordHash( 8, TRUE );
$password = ‘MyPassword‘;
$hashed_password = $wp_hasher->HashPassword( $password );

$checkpass = $wp_hasher->CheckPassword($password, $hashed_password) ;

echo “check result = “ . $checkpass ;
echo “\n”;
echo “password = “ . $password . “\n” ;
echo “hashed_password = “ . $hashed_password ;
echo “\n”;

?>

ll file può essere eseguito da terminale con

$ php passwd_wp.php

oppure può essere reso disponibile via webserver .

La password dimenticata può essere sostituita da una nuova password generata utilizzando lo script soprariportato e adminer o phpMyAdmin

wp_passwd_adminer_2

 

Risorse:

AjaxControlToolkit rilasciata la versione 15.1 l’atteso ajax lato server per Asp.net

ASP.net Ajax  Rilasciata l’attesa nuova versione dell’ AJAX Control Toolkit l’utile Ajax lato server per Asp.Net. L’ultima rilascio del dicembre 2013 lasciava un po’ a desiderare tant’è che  si avvertiva la necessità di un aggiornamento. Con la nuova versione la v15.1 c’è stato un significativo lavoro di revisione e miglioramento che evidenzia al primo impatto maggiore velocità e stabilità dei componenti.   Le novità della nuova versione che ha come nuovo mantainer DevExpress: What’s new.

Con la nuova versione termina il supporto alle versioni di Asp.Net precedenti la 4.0.

Unica nota dolente è disponibile, al momento,  solo la versione installabile che necessita della presenza di Visual Studio. Va considerato che ora  è disponibile una versione free di Visual Studio: la versione community.

Comunque una volta installata la versione del Control Toolkit, e creata la prima web application per aggiornare altre web application che fanno uso dell’Ajax  Control ToolKit sarà sufficiente :

  • prelevare i binari dalla cartella /bin e copiarli nella web application da aggiornare sostituendo quindi i files della precedente versione
  • apportare le modifiche base per l’utilizzo della nuova versione in particolare la sostituzione del controllo  <ajaxToolkit:ToolkitScriptManager …  con <asp:ScriptManager  ….
    Esemplificando

    <ajaxToolkit:ToolkitScriptManager ID="ScriptManager1" runat="server" />

    ora va sostituito con

    <asp:ScriptManager ID="ScriptManager2" runat="server" />


  • Eliminare se presenti dal web.config i riferimenti alla precedente versione del Control ToolKit
    come indicato in   Upgrade your project to AjaxControlToolkit v15.1 .
    Di fatto in web.config è sufficiente dichiarare il namespace AjaxControlToolkit

    <system.web>
    ......
       <pages>
           <controls>     
    ......
             <add namespace="AjaxControlToolkit" assembly="AjaxControlToolkit" tagPrefix="ajaxToolkit"/>
           </controls>
       </pages>
    </system.web>

 

Risorse:

 

Disabilitare i cookie nei browsers Chrome

settembre 30, 2014 Lascia un commento

Di seguito la procedura per disibilitare i cookie nei principali browsers: Chrome, Firefox, Opera, Explorer

L’attenzione alle problematiche connesse all’utilizzo dei cookies nei siti web è stata accentuata in seguito al Provvedimento Generale del Garante del 8 maggio 2014″ €œIndividuazione delle modalità  semplificate per l’informativa e l’acquisizione del consenso per l’uso dei cookie”.  Più specificamtente la normativa che in Italia regolamenta l’uso dei cookie è rappresentata da:

  • Codice in materia di protezione dei dati personali D.lgs. 196/2003  art. 122 secondo comma;
  • “Individuazione delle modalità semplificate per l’informativa e l’acquisizione del consenso per l’uso dei cookie”  pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale n.126 del 3 giugno 2014 e relativo registro dei provvedimenti n.229 dell’8 maggio 2014.

Google Chrome – Chromium disabilitare i cookie

  • Fare click sul <menu> di chrome impostazioni presente nella barra degli strumenti del browser a fianco della finestra di inserimento url per la navigazione
  • Selezionare <Impostazioni>
  • Fare clic sul link “Mostra Impostazioni Avanzate” in fondo alla pagina;
  • Nella sezione <Privacy> fare clic sul pulsante <Impostazioni contenuti>
  • Nella sezione “Cookies” è possibile modificare le seguenti impostazioni relative ai cookie:
    • Consentire il salvataggio dei dati in locale
    • Modificare i dati locali solo fino alla chiusura del browser
    • Impedire ai siti di impostare i cookies
    • Bloccare i cookie di terze parti e i dati dei siti
    • Gestire le eccezioni per alcuni siti internet
    • Eliminare uno o tutti i cookies

Maggiori informazioni sono disponibili alle pagine esterne  Google Chrome – Gestione dei cookie e dei dati dei siti   e Attivazione e disattivazione dei cookie

Firefox – PaleMoon –Iceweasel disabilitare i cookie

  • Fare click sul <menu> di firefox presente nella barra degli strumenti del browser a fianco della finestra di inserimento url per la navigazione
  • Selezionare <Opzioni>
  • Seleziona il pannello <Privacy>
  • Nella sezione “Cronologia” selezionando dal menu a discesa <utilizza impostazioni personalizzate> è possibile:
    • selezionare di accettare i cookie di terze parti (sempre, dai siti più visitato o mai) e di conservarli per un periodo determinato (fino alla loro scadenza, alla chiusura di Firefox o di chiedere ogni volta)
    • Rimuovere i singoli cookie immagazzinati
  • Nella sezione “Tracciamento” è possibile impedire il tracciamento da parte dei siti.

Maggiori informazioni sono disponibili alla pagina Firefox Attivare e disattivare i cookie

Opera disabilitare i cookie

  • Fare click sul <menu> di opera
  • Selezionare <Impostazioni>
  • Fare clic su <Privacy e Security>;
  • Nella sezione “Cookies” è possibile modificare le seguenti impostazioni relative ai cookie:
    • Consentire il salvataggio dei dati in locale
    • Modificare i dati locali solo fino alla chiusura del browser
    • Impedire ai siti di impostare i cookies
    • Bloccare i cookie di terze parti e i dati dei siti
    • Gestire le eccezioni per alcuni siti internet
    • Eliminare uno o tutti i cookies

Nella versione precedente di Opera versione 12.xx

  • Selezionare nel Menu di Opera <Preferenze>
  • Nella gfinestra selezionare il tab <Avanzate> e infine su Cookies
  • Selezionare una delle seguenti opzioni:
    • Accetta tutti i cookie
    • Accetta i cookie solo dal sito che si visita: i cookie di terze parti e che vengono inviati da un dominio diverso da quello che si sta visitando verranno rifiutati
    • Non accettare mai i cookie: tutti i cookie non verranno mai salvati
    • Grazie al pulsante <Manage Cookies> e possibile agire sul singoli cookie dei siti visitati.

Maggiori informazioni sono presenti nella pagina Opera Cookie

Internet Explorer

  • Fare click sul pulsante Strumenti e scegliere Opzioni Internet
  • Fare click sulla scheda Privacy e nella sezione Impostazioni modificare il dispositivo di scorrimento in funzione dell’azione desiderata per i cookie:
  • Bloccare tutti i cookie
  • Consentire tutti i cookie
  • Selezione dei siti da cui ottenere cookie: spostare il cursore in una posizione intermedia in modo da non bloccare o consentire tutti i cookie, premere quindi su Siti, nella casella Indirizzo Sito Web inserire un sito internet e quindi premere su Blocca o Consenti

Per maggiori informazioni visita la pagina dedicata.

Safari

  • Eseguire il Browser Safari
  • Fare click su Safari, selezionare Preferenze e premere su Privacy
  • Nella sezione Blocca Cookie specificare come Safari deve accettare i cookie dai siti internet.
  • Per visionare quali siti hanno immagazzinato i cookie cliccare su Dettagli

Maggiori informazioni sono disponibili alla pagina Safari 8 (Yosemite): Gestire cookie e dati dei siti web

Safari iOS (dispositivi mobile)

  • Eseguire il Browser Safari iOS
  • Tocca su Impostazioni e poi Safari
  • Tocca su Blocca Cookie e scegli tra le varie opzioni: “Mai”, “Di terze parti e inserzionisti” o “Sempre”
  • Per cancellare tutti i cookie immagazzinati da Safari, tocca su Impostazioni, poi su Safari e infine su Cancella Cookie e dati

Per maggiori informazioni visita la pagina dedicata.

 Risorse

Firefox installare e avviare contemporaneamente diverse versioni in ubuntu linux

In Ubuntu/Linux in genere è possible avere a disposizione solo la versione corrente del browser firefox. Talvolta tuttavia può far comodo avere a disposizone le versioni precedenti di firefox. Di seguito viene indicata la procedura di massima per installare ed eseguire contemporamente versioni differenti di firefox. In figura sono in esecuzione le versioni di Firefox 22.00 e 27.00 in inglese e 17.00 in italiano

firefox 27, 22 e 17 contemporaneamente in linux

firefox 27, 22 e 17 contemporaneamente in linux

Tutte le versioni di firefox rilasciate, dalla 0.8 alla 28.0b8, sono disponibili per i protoccoli http e ftp all’indirizzo

https://ftp.mozilla.org/pub/mozilla.org/firefox/releases/
o

ftp://ftp.mozilla.org/pub/mozilla.org/firefox/releases/
 

firefox releases

Qualora si intendano utilizzare più versioni di firefox conviene tenerle nella cartella /opt

Scaricata, con un browser, ad esempio, la versione Firefox 17.00 in italiano avremo a disposizone, con tutta probabilità nella cartella Download,  il file firefox-17.0.tar.bz2.

da terminale copiare e decomprimere ad esempio con:

sudo mkdir /opt/firefox/firefox17it
sudo cp Download/firefox-17.0.tar.bz2 /opt/firefox/firefox17it/firefox-17.0.it.tar.bz2 
cd /opt/firefox/firefox17it 
sudo tar jxvf firefox-17.0.it.tar.bz2

Verrà creata la cartella firefox.
Per avviare la versione 17 di firefox, indipendentemente da altre versioni di firefox in esecuzione, lanciare firefox con un nuovo profilo e con l’opzione -no-remote.

Per creare un nuovo profilo da terminale si può usare il comando

firefox -ProfileManager

La maschera per selezionare e/o creare un profilo

Firefox selezionare un profilo

Firefox selezionare un profilo

Quando si crea un nuovo profilo vengono presentate le seguenti maschere

Creazione nuovo profilo
Creazione nuovo profilo firefox
firefox nuovo profilo

firefox nuovo profilo

Per lanciare firefox 17 contemporaneamente ad altre versioni e generare un nuovo profilo e digitare da terminale

./firefox17it/firefox -P  -no-remote

per avviare firefox direttamente con il nuovo profilo digitare

./firefox17it/firefox -P firefox17  -no-remote

Ovviamente i profili consentono di avviare sessioni distinte della stessa versione di firefox. Questo ad esempio quando si devono tenere aperte contemporanemente sessioni firefox con utenti diversi.

Per semplificare l’avvio delle varie versioni di firefox far ricorso ai lanciatori disponibili per il desktop manager in uso.

Risorse:

AjaxControlToolkit.ToolkitScriptManager.CombineScriptsHandlerUrl’ is obsolete: ‘Please register AjaxControlToolkit.CombineScriptsHandler http handler instead.

When you use AjaxControlToolkit.ToolkitScriptManager and building/validating an asp.net application is showed the error message

AjaxControlToolkit.ToolkitScriptManager.CombineScriptsHandlerUrl’ is obsolete: ‘Please register AjaxControlToolkit.CombineScriptsHandler http handler instead.

and in the page is present this

<ajaxToolkit:ToolkitScriptManager ID="ScriptManager1" 
  runat="server" CombineScriptsHandlerUrl="~/CombineScriptsHandler.ashx" />

you can fix by removing the attribute  CombineScriptsHandlerUrl=”~/CombineScriptsHandler.ashx” .

thus became

<ajaxToolkit:ToolkitScriptManager ID="ScriptManager1" runat="server"  />

Risorse:

Tweet url with space

To share content and connect on Twitter from website it’s possible to use :

1)
<a href="http://twitter.com/share?url=myUrl&amp;text=myText&amp;hashtags=myhash1,myhash2">Tweet</a>.

or

2) 
<a href="http://twitter.com/intent/tweet?url=myUrl&amp;text=myText">Tweet</a>

or

3)
<a href="http://twitter.com/home?status=myText+-+http://myUrl">Tweet</a>

url contains space

If url ( myUrl in this example)  contains space there are some troubles url can be truncated or not showed. So if url (myUrl) is the same Url of the page, the solution is not to specify url=myUrl using:

1) 
<a href="http://twitter.com/share?text=myText&amp;hashtags=myhash1,myhash2">Tweet</a>

url contains query string

if url contains query string is better to use case 2 )

Some examples:

Using case 1)

http://twitter.com/share?text=Everyware Server On Premises M2M Cloud&url=http://www.eurotech.com/en/quickviews/product/everyware server&hashtags=eurotech,cloud

Url is not showed

Everyware Server On Premises M2M Cloud #eurotech #cloud
url is not shown

url is not shown

and this is the url encoded by twitter

https://twitter.com/intent/tweet?hashtags=eurotech%2Ccloud&text=Everyware+Server+On+Premises+M2M+Cloud&url=http%3A%2F%2Fwww.eurotech.com%2Fen%2Fquickviews%2Fproduct%2Feveryware+server

no change for the better using

http://www.eurotech.com/en/quickviews/product/everyware+server

or

http://www.eurotech.com/en/quickviews/product/everyware%20server

Without using url=

http://twitter.com/share?text=Everyware Server On Premises M2M Cloud&hashtags=eurotech,cloud

Url is showed

Everyware Server On Premises M2M Cloud http://www.eurotech.com/en/quickviews/product/everyware%20server #eurotech #cloud

 

twitter url shown

twitter url shown

Resources:

Trasferire o copiare un blog wordpress 3.5 in altro server

marzo 27, 2013 8 commenti

wordpress-logo-sObiettivo: trasferire e/o copiare  un blog wordpress  da un server in altro server.  Il trasferimento può far comodo anche per avere una copia in locale del blog.  Per poter effettuare l’operazione  è necessario l’accesso ai MySQL e alle cartelle delle web application nei  servers conivolti nel trasferimento. Se non si dispongono dei dati di accesso non resta che far ricorso al plugin per l’esportazione con i limiti del caso.  La versione di WordPress presa in considerazione è la 3.5.1. I servers utilizzati possono essere sia Linux che Windows. Per quanto riguarda i databases MySQL è sufficiente che la versione sia 5.0 o successive. Un’articolata discussione di tutte le situazioni che si possono presentare quando si deve spostare un blog wordpress si trova nel seguente post Moving WordPress « WordPress Codex.

Di seguito l’esemplificazione, talvolta anche passo passo, delle operazioni da compiere per copiare ad esempio il blog maurizio.siagri.net su server locale ubuntu 12.04 virtuale ip 192.168.7.162.

1) Accedere alla cartella contenente l’applicazione WordPress da trasferire e copiarla nel nuovo server. A seconda delle connessioni da remoto supportate dal server sorgente si possono utilizzare una molteplicità di modalità di accesso per il trasferimento:  ftp, webdav, sftp. smb, vpn …

Nel caso specifico copiamo la cartella di wordpress del server di origine da

/maurizio  (server origine )  
in ---->  
/var/www/maurizio  ( server target locale ubuntu )

2) Sistemare i  permessi delle cartelle per l’esecuzione dell’applicazione da parte del web server apache2 presente nella macchina ubuntu locale.

chown www-data:www-data -R /www/var/maurizio

3)  Effettuata la copia delle cartelle si deve copiare il database.

Per ottenere le informazioni relative al database  visualizzare il file wp-config.php  si potranno visualizzare il nome del database, DB_NAME,  il nome del proprietario del database, DB_USER,  la password usata dal DB_USER,  DB_PASSWORD .

 
 * @package WordPress
 */

// ** MySQL settings - You can get this info from your web host ** //
/** The name of the database for WordPress */
define('DB_NAME', 'dbwp_name');

/** MySQL database username */
define('DB_USER', 'user_dbwp');

/** MySQL database password */
define('DB_PASSWORD', 'pass_user_dbwp');

/** MySQL hostname */
define('DB_HOST', 'hostname');

4) Effettuare il dump del database MySQL, del blog da trasferire, utilizzando i dati di accesso del file wp-config.php  con un comando dle tipo .

$ mysqldump -u user_dbwp --password=pass_user_dbwp -h host_wp_remoto dbwp_name > dbwp_name.sql

5) Caricare il dump del database nel nuovo server MySQL della macchina ubuntu locale:

Accedere al nuovo server Mysql con:

$ mysql -u root -h host -p

creare il nuovo database e lo user_dbwp con:

mysql> CREATE DATABASE dbwp_name;
mysql> GRANT ALL PRIVILEGES ON dbwp_name.* TO 'user_dbwp'@'localhost'
mysql> IDENTIFIED BY 'pass_user_dbwp' ;
mysql> FLUSH PRIVILEGES ;

caricare il database con :

$ mysql -u user_dbwp --password=pass_user_dbwp  -h host dbwp_name < dbwp_name.sql

6) Adesso è possbile avviare però i risultati saranno “stravaganti “e non sarà possbile navigare. Infatti si rende necessario sostituire almeno i nomi di dominio ed eventualmente gli urls.

Sostituzione del nome di dominio
In questo caso è necessario procedere alla ricerca dei vecchi valori,  sostituendoli con i nuovi. Per fare questo la soluzione ottimale consiste nell’utilizzare lo script scaricabile al seguente indirzzo Search and Replace for WordPress Databases Script. Lo script consente una sostituzioni sicura dei dati preservando l’integrità della lunghezza delle stringhe serializzate. Il codice funziona per qualsiasi piattaforma che memorizza array PHP serializzati in un database MySQL: Drupal Joomla. ATTENZIONE Lo script rappesenta un punto di vulnerabilità. Pertanto é bene usarlo rinominato e rimuoverlo dopo il suo utilizzo.

Possiamo anche scaricare e rendere disponibile lo script Download Search Replace DB v 2.1.0 con:

$ wget http://www.interconnectit.com/wp-content/uploads/2011/05/searchreplacedb21.zip
$ unzip searchreplacedb21.zip
$ cp    searchreplacedb21.php  /var/www/maurizio/_sr21.php 
$ chown www-data:www-data maurizio

Avviare  lo scripts facendo puntare il browser allo scipt stesso 192.168.66.162/maurizio/_sr2.php e seguire le indicazioni a video. Procedere con attenzione e cautela. Nel caso si compiano errori si può ricaricare il dump originale del database e ripetere l’operazione.

wordpress db search e replace

wordpress db search e replace start page

Sostituzione nome dominio maurizio.siagri.net con l’indirizzo locale 192.168.7.162/maurizio

wordpress db sostituzione nome dominio

wordpress db sostituzione nome dominio

Esito del search e replace nel database

wordpress db search and replace results

wordpress dbsearch and replace results

Adesso è possibile avviare il blog in locale http://192.168.7.162/maurizio

wp_blog_copiato

Risorse: