Archive

Posts Tagged ‘LXDE’

Impostare il browser di default in Lubuntu e LXDE

Per impostare il browser di default in Lubuntu esiste nel Menu la voce

Preferences > Preferred Applications

che consente di impostare il web Browser di default e il client email.

Lubuntu preferred applications

Lubuntu preferred applications

Tuttavia nonostante la maschera evidenzi un settaggio  secondo le proprie preferenze può accadere che il browser di defualt non risulti quello impostato.

In questo caso conviente controllare  utilizzando update-alternatives –config x-www-browser  , modalità manuale standard, che è anche la a modalità utilizzata per impostare il web browser di default in LXDE su cui si basta Lubuntu

Come si può osservare di seguito  benchè in preferred applications Chromium risulti il browser di default qui è Opera a risultare il browser di default.

:~$ sudo update-alternatives --config x-www-browser
There are 6 choices for the alternative x-www-browser (providing /usr/bin/x-www-browser).

  Selection    Path                       Priority   Status
------------------------------------------------------------
* 0            /usr/bin/opera              200       auto mode
  1            /usr/bin/chromium-browser   40        manual mode
  2            /usr/bin/firefox            40        manual mode
  3            /usr/bin/midori             39        manual mode
  4            /usr/bin/netsurf            100       manual mode
  5            /usr/bin/opera              200       manual mode
  6            /usr/bin/xlinks2            69        manual mode

Press enter to keep the current choice[*], or type selection number:

Conviene pertanto impostare a questo livello il browser di default per Chromium scelta numero 1

Risorse:

LXDE desktop manager

LXDE.org  ( Lightweight X11 Desktop Environment ) è un ottimo Desktop Manager veloce, performante con un  basso carico sulla CPU: un “energy-saving desktop environment “.  Può essere installato in tutte le principali distribuzioni e anche in OpenSolaris e BSD. Il codice sorgente è sotto i termini della  GNU General Public License e parzialmente sotto LGPL. Si basa su GTK+.

Utilizza   Openbox  come window manager e obconf un tool GUI per configurare openbox  .

Tutti i componenti sono indipendenti e possono essere utilizzati efficacemente in altri ambienti di lavoro.

Core componenti

Accessori 

  • leafpad editor di testo
  • GPicView  visualizzatore immagini
    Compilare e installare gpicview 0.2.3 in Ubuntu
  • Xarchiver, gestore archivi
  • LXTerminal emulatore di terminale
  • LXMusic  un client audio XMMS2
  • LXFind  programma di ricerca
  • Galculator

Tools di sistema 

  • LXDM  un X display manager leggero usato per il login ( lighdm )
  • LXTask Task Manager

Tools di Configurazione

  • LXAppearance  GTK+ tema switcher
  • LXRandR un front-end grafico per RandR
  • LXInput  configurare e gestire tastiera e mouse
  • LXSshortCut un agevole modo per editare i shortcuts delle applicazioni
  • LXDE Common

LXDE punta all’essenziale pertanto mancano applicazioni che possono essere facilmente reperite in altri ambiti.
Personalmente  sento l’assenza di uno screenshot amichevole. In genere preferisco installare quello di Xfce  xfce4-screenshooter-plugin 

sudo apt-get install xfce4-screenshoter-plugin

come gestore di posta thunderbird e browser chromium-browser e/o firefox

Per installare in ubuntu debian  linux LXDE

sudo apt-get install lxde

per installare la versione base di LXDE

sudo apt-get install lxde-core

per avviare in desktop remoto lxde

exec startlxde

se compare  il messaggio

The program 'startlxde' is currently not installed. You can install it by typing:
sudo apt install lxde-common

procedere come indicato installando  sudo apt-get install lxde-common

consultare anche i posts su:

Risorse esterne:

LXDE.org | Lightweight X11 Desktop Environment

LXDE.org  wiki  : es.  LXDE:PCManFM build and setup guide – LXDE.org

LXDE – Lightweight X Desktop Environment – Browse Files at SourceForge.net

PCMan File Manager – Browse Files at SourceForge.net

Categorie:Linux, Ubuntu Tag:,

Compilare e installare il file manager PCManFM 1.0.1 in Ubuntu 12.04.01

settembre 28, 2012 Lascia un commento

Rilasciata la versione 1.0.1 di PCMmanFM un file manager molto leggero e performante, supporta i tabs e i bookmarks  integra il desktop e il menu delle applicazioni. Al momento la nuova versione non è disponibile nei repository ufficiali e quindi non può essere installata con apt-get  o con l’update manager è necessario compilare e poi installare.

Per poter usare pcmanfm è necessario installare anche libfm 1.0.1 e menu-cache (menu-cache version 0.3.2 questa è una piccola libreria di LXDE. Usata per l’integrazione delle applicazioni nel menu)

possiamo scaricare i files da sourceforge:

prima di procedere con l’installazione  controlliamo “l’impronta digitale” del files se tutto ok procediamo con l’installazione

 md5sum libfm-1.0.1.tar.gz

libfm-1.0.tar.gz  md5 = 7fb406f38f99c9171661f72fa6d4da7f

md5sum pcmanfm-1.0.1.tar.gz

pcmanfm-1.0.tar.gz  = f373ee514bae37b53b152d02ac465058

Installliamo le librerie per la compilazione dei pacchetti.  ( Qui un post generale per la compilazione in Ubuntu 12.04 Compilare in Linux – Ubuntu .
Utilizziamo aptitude invece di apt-get quando necessario. Se assente installare aptitude con

sudo apt-get install aptitude
  
sudo aptitude install dpkg-dev autoconf automake autotools-dev intltool libglib2.0-dev libgtk2.0-dev libmenu-cache1-dev libtool pkg-config

Controlliamo anche  la presenza di valac versione 0.13.0 o successive

dpkg -l valac 
||/ Name                  Version               Description
+++-=====================-=====================-==========================================================
ii  valac                 0.14.2-0ubuntu1       C# like language for the GObject system

Se assente installiamo con

sudo apt-get install valac

Installare menu-cache-0.3.3

Adesso installiamo menu-cache generando preventivamente il pacchetto .deb realtivo decomprimiamo il file tar.gz, ci spostiamo nella nuova directory e compiliamo

tar zxvf menu-cache.0.3.3.tar.gz

cd menu-cache-0.3.3

./configure --prefix=/usr

make

sudo make install-strip
volendo installare passando per la generazione del pacchetto .deb sostituire
# sudo make install-strip
con i seguenti comandi
# sudo checkinstall –install=no
come nome-descrizione diigitare menu-cache
modificare revisione cambiare 1 in 0
quindi installare con

# sudo dpkg -i menu-cache_0.3.3-0_i386.deb

installare  libfm-1.0.1

Al solito estraiamo e compiliamo attenzione ai parametri

sudo tar zxvf libfm-1.0.1.tar.gz

sudo cd libfm-1.0/

sudo ./configure --prefix=/usr

make DEB_MULTIARCH=`dpkg-architecture -qDEB_HOST_MULTIARCH 2>/dev/null` && rm -f /usr/lib/$DEB_MULTIARCH/libfm-*

sudo make install-strip

installare pcmanfm-1.0.1

Chiudere eventuali instanze pcmanfm aperte

sudo killall pcmanfm

Al solito decomprimiamo i tarbal con

tar xzvf pcmanfm-1.0.1.tar.gz

ci spostiamo nella dir e compiliamo  con

cd pcmanfm-1.0.1

sudo ./configure --prefix=/usr 

sudo make
sudo make install-strip

Pcmanfm bookmarks

Per quanto attiene ai bookmarks pcmanfm li memorizza nel file bookmarks in ./config/gtk-3.0/bookmarks così da risultare condivisi con altre applicazioni.

Quindi per recuperare i bookmarks da un’altra installazione e sufficiente una copia del file o un taglia incolla del suo contenuto.

Riferimenti

LXDE:PCManFM build and setup guide

Per avere sempre l’ultima versione in sviluppo utilizzare git

Ubuntu 12.04 estremamente leggero e veloce con EDE – Equinox Desktop Manager

[Aggiornamento ottobre 2012]
EDE,  desktop manager veloce e di piccole dimensioni, è un a soluzione decisamente buona per hardware datato o obsoleto. Facile da usare è anche portable ( Minix, Zaurus, Xbox) . Comunque per server ubuntu se proprio serve un environment manager conviene usare window manager quali, fluxbox, openbox., o una soluzione desktop manger come lxde-core  con però Xserver  minimale (falso) : Installazione di X server minimale con Xvnc e Xrdp – remote desktop

———————————————————-
[agosto 2012]
Rilasciata in maggio dopo 5 anni la versione 2.0 di EDE desktop environment (Equinox Desktop Environment). EDE è un desktop manager molto leggero, più leggero di LXDE, con un look and feel (L&F) amichevole e familiare. Scritto in C++  consente  un avvio veloce, un contenuto consumo di memoria, grande portatilità, velocità di esezuione e di compilazione. Con la versione 2.0 EDE è ancora più aderente ai freedesktop.org standards. Sviluppato con FLTK  ( Fast Light ToolKit ) .

Questo il link per la versione live di Ubuntu 12.04 con EDE quale unico desktop manager http://www.remastersys.com/downloads

Il link alla news New Distribution showcasing EDE – Equinox Desktop Environment.

Ubuntu 12.04 EDE Live screenshot

Ubuntu 12.04 estremamente leggero e veloce con EDE – Equinox Desktop Manager

Le applicazioni incluse sono:

EDE 2.0
edelib 2.0.1
pcmanfm
leafpad
abiword
gnumeric
evince
file-roller
dia
mtpaint
synaptic
remastersys
firefox
mplayer
gparted
xfburn and a few other smaller apps

Una volta scaricata la iso può essere provata in Debian/Ubuntu con

kvm -cdrom rem-ede-final.iso -m 512

Per altri dettagli sul test delle iso Testare una ISO in Ubuntu 12.04

Per installare manualmente la iso live si può utilizzare la seguente procedura

Installare Ubuntu 12.04 Manualmente

Remarstersys.com  è il sito dedicato al tool remastersys che può utilizzato in Debian, Ubuntu e distro derivate per ottenere un live CD con un backup completo del sistema  compresi o meno i dati personali da utilizzare e installare ovunque.

Utilizzo Risorse confronti:

RAM:

  • gtk-demo 3.1 MB
  • qdbusviewer 7.9 MB
  • FLTK*  fluid, a GUI designer 1.9 MB

Disk size:

  • libgtk-3.so 4 MB
  • libgtk-x11-2.0   4 MB
  • libQt  40 MB
  • libfltk* con debug information 6 MB

* FLTK  ( Fast Light ToolKit )  ( no Qt, no Gtk+, no X API )

mirror.be.gbxs.net/video.fosdem.org//2013/lightningtalks/EDE,_a_light_desktop_environment.webm

LXPanel – LXDE

  In LXDE risulta molto comodo generare più Panels in particolare se si opera con più monitors.
Di seguito come configurare un nuovo LXPanel in un sistema dual monitor

LXpanel

LXpanel

Creiamo la nuova barra (panel) ad es.  con <Create New Panel> tasto destro su un panel esistente

Posizioniamo la barra nel monitor di destra impostando geometry.
Il monitor di sinistra è di 1920 pixel di larghezza. Quindi il margin left sarà 1920.

LxPanel-Geometry

Aggiungiamo la applets:

  • Menu
  • Cpu Usage Monitor
  • WNCKPager  alternativa a Desktop Pager anche se privo delle impostazione di edit presenti in quest’ultimo
  • TaskBar ( Windows list ) con attive anche le opzioni <Icons only> <Combine multiple applications windows …>
  • Separator
  • Application Launch bar   da configurare secondo le proprie esigenze
  • Volume Control
  • Digital Clock
LxPanel applets

LxPanel applets

Menu cambiare il logo con edit

Menu Applet logo LxPanel

Menu Applet logo LxPanel

Task bar windows list

Attiviamo anche le opzioni <Icons only> <Combine multiple applications windows …>

Task Bar Window List applet

Task Bar Window List applet

Application Launch Bar

Application Launch Bar LXPanel

Digital Clock  per personalizzare maggiormente fare rigerimento a questo post

Digital Clock Lxpanel

Digital Clock Lxpanel

Applet Desktop Manager

DekstopPager Openbox

DekstopPager Openbox

Risorse nel Blog:

LXpanel change Data – time format

settembre 22, 2011 Lascia un commento

We can add date-time in LXPanel of LXDE desktop manger using the plugin Digital Clock.

To activate Digital Clock right-click on LXPanel  then

> Panel Settings > Panel Applets > select Digital Clock

then  click Edit.

In the field for Clock Format you can see

Clock Format: "%R"  which give you something like "15:05"
Digital Clock applet

LXPanel Digital Clock

To add seconds you can use

"%R:%S" which give you "15:05:36".

Then to add  day and month you can use

%a %d %b - %R:%S which give "Tue 09 Sep - 15:05:36"
Format available for Digital Clock

these format from date command are available for Clock Format and Tooltip Format

%a locale's abbreviated weekday name (e.g., Sun)
%A locale's full weekday name (e.g., Sunday)
%b locale's abbreviated month name (e.g., Jan)
%B locale's full month name (e.g., January)
%c locale's date and time (e.g., Thu Mar 3 23:05:25 2005)
%C century; like %Y, except omit last two digits (e.g., 20)
%d day of month (e.g., 01)
%D date; same as %m/%d/%y
%e day of month, space padded; same as %_d
%F full date; same as %Y-%m-%d
%g last two digits of year of ISO week number (see %G)
%G year of ISO week number (see %V); normally useful only with %V
%h same as %b
%H hour (00..23)
%I hour (01..12)
%j day of year (001..366)
%k hour, space padded ( 0..23); same as %_H
%l hour, space padded ( 1..12); same as %_I
%m month (01..12)
%M minute (00..59)
%n a newline
%N nanoseconds (000000000..999999999)
%p locale's equivalent of either AM or PM; blank if not known
%P like %p, but lower case
%r locale's 12-hour clock time (e.g., 11:11:04 PM)
%R 24-hour hour and minute; same as %H:%M
%s seconds since 1970-01-01 00:00:00 UTC
%S second (00..60)
%t a tab
%T time; same as %H:%M:%S
%u day of week (1..7); 1 is Monday
%U week number of year, with Sunday as first day of week (00..53)
%V ISO week number, with Monday as first day of week (01..53)
%w day of week (0..6); 0 is Sunday
%W week number of year, with Monday as first day of week (00..53)
%x locale's date representation (e.g., 12/31/99)
%X locale's time representation (e.g., 23:13:48)
%y last two digits of year (00..99)
%Y year
%z +hhmm numeric time zone (e.g., -0400)
%:z +hh:mm numeric time zone (e.g., -04:00)
%::z +hh:mm:ss numeric time zone (e.g., -04:00:00)
%:::z numeric time zone with : to necessary precision (e.g., -04, +05:30)
%Z alphabetic time zone abbreviation (e.g., EDT)

Avvio automatico di applicazioni

giugno 6, 2011 1 commento

Chi utilizza il desktop Manager LXDE può avviare automaticamente le applicazioni inserendo nella cartella ~/.config/autostart/
files di tipo .desktop.

Questo approccio funziona anche con gli altri desktop manager di Ubuntu:gnome, kde…

In Gnome lo stesso risultato può essere ottenuto utilizzando il gestore delle applicazioni di Avvio in
Sistema -> Preferenze -> Menu di Avvio o Sessioni e li selezionare aggiungi.

Formato di un file .desktop per avviare automaticamente Remmina.

Remmina.desktop

[Desktop Entry]
Type=Application
Icon=remmina
Name=Remmina Applet
GenericName=Remmina
Comment=Connect to remote desktops through the applet menu
Exec=remmina 
StartupNotify=true
Terminal=false
OnlyShowIn=Gnome;XFCE;LXDE;
NotShowIn=KDE

E possibile utilizzare
OnlyShowIn = Gnome;XFCE;LXDE;
NotShowIn = KDE
per selezionare in quali desktops manager l’applicazione si dovrà avviare automaticamente.

Altro esempio file .desktop per l‘avvio automatico del gestore di posta Thunderbird

[Desktop Entry]
Type=Application
Icon=thunderbird
Name=Thunderbird Mail
GenericName=Mail Client
Comment=ThunderBird 
Categories=Network;Email;
Exec=thunderbird
StartupNotify=true
Terminal=false
MimeType=text/html;text/xml;application/xhtml+xml;application/xml;application/vnd.mozilla.xul+xml;application/rss+xml;application/rdf+xml;x-scheme-handler/mailto;
StartupWMClass=Thunderbird
Encoding=UTF-8

Risorse: