Home > Linux, Ubuntu > Installare Ubuntu 12.04 Manualmente

Installare Ubuntu 12.04 Manualmente

Installiamo Ubuntu 12.04 manualmente utilizzando la ISO live senza ricorrere alla procedura automatica.

La procedura di installazione manuale di ubuntu indicata si applica in genere anche alle altre distro ubuntu e alle distro derivate come mint …

Per iniziare avviamo la distro live.
Creiamo una nuova partizione con gparted ( la dimensione ottimale potrebbe essere 8 GB filesystem ext4 ).
Quindi montiamo la partizione così creata in /mnt/target.
Considerato che tutti i comandi vanno eseguiti da root eleviamoci anche a root

sudo su   
mkdir /mnt/target

monteremo la partizione con il solido comnado tipo

mount /dev/partizione /mnt/target

qualora la partizione creata sia in /dev/sdb2

mount /dev/sdb2 /mnt/target

adesso effettuiamo il mount del fiilesystem di base di Ubuntu presente nella live in /mnt/source.
Si tratta di un filesystem di tipo squashfs, un oggetto in sola lettura. Il filesystem squashfs della live di ubuntu si trova nella cartella /casper ed è di circa 650 MB.

Creiamo la dir source

mkdir /mnt/source

Se si è dentro la live per il mount utilizzare il comando

mount -o loop -t squashfs /cdrom/casper/filesystem.squashfs /mnt/source
Per aprire un un disco immagine di tipo squashfs si può usare anche il comando
unsquashfs immagine.squashfs /squashfs_dir
nello specifico
unsquashfs -f -d /mnt/source /live/image/casper/filesystem.squashfs

Una volta montato il filesystem base può essere copiato nella nuova partizione con

cp -a  /mnt/source/*   /mnt/target/

La cartella /mnt/target conterrà ora un vero e proprio sistema operativo autonomo, accessibile in lettura e scrittura dall’ambiente esterno.

Per poter accedere ad esso come ad un sistema operativo isolato si usa il comando chroot

Prima è necessario rendere disponibili, al suo interno, i file speciali generati dal kernel { in particolare /proc /sys } e possiamo smontare /mnt/source

sudo umount /mnt/source

mount -t proc /proc   /mnt/target/proc
mount -t sysfs  /sys    /mnt/target/sys
mount -o bind /dev    /mnt/target/dev
mount --bind /dev/pts  /mnt/target/dev/pts

Adesso dobbiamo aggiornare il file /fstab in modo che il sistema sappia dove montare le partizione base.
Creiamo il file /mnt/target/etc/fstab.

touch  /mnt/target/etc/fstab

e aggiugiamo due righe base con due comandi echo … >>

echo 'proc            /proc           proc    defaults          0       0' >> /mnt/target/etc/fstab
echo '/dev/sdb2       /               ext4    errors=remount-ro 0       1' >> /mnt/target//etc/fstab

possiamo controllare il risultato con cat /mnt/target/etc/fstab

Potevamo usare anche un editor secondo le proprie preferenze ( vi,nano, gedit, leafpad … )

nano /mnt/target/etc/fstab

il contenuto del file sar’ del tipo seguente

          
proc            /proc           proc    defaults        0       0
/dev/sdb2       /               ext4    errors=remount-ro 0       1
in un secondo momento sarà possibile precisare l’eventuale partizione di swap:
/dev/sda5 swap swap defaults 0 0
# /dev/volumes/swap none swap sw 0 0
una home diversa
/dev/volumes/home /home ext4 defaults 0 2
il cdrom
/dev/scd0 /media/cdrom0 udf,iso9660 user,noauto 0 0
eventualmente e possibile precisare la partizione di swap

Lavorare nel chroot

Adesso siamo pronti per lavorare nel chroot. Il chroot è un comando per lanciare processi in un ambiente che utilizza come directory radice la sottocartella locale, che rappresenta a tutti gli effetti un sistema operativo indipendente da quello esterno. L’attivazione dei file speciali, inoltre permette di utilizzare tutti servizi del kernel.

chroot /mnt/target

per evitare di fare confusione e ricordarci che siamo in chroot cambiamo il prompt

export PS1="(chroot) \$ "

Per completare l’installazione manuale di ubuntu dobbiamo creare un primo utente base di nome ad es. maurizio

useradd -gusers -Gsudo -d/home/maurizio -m maurizio

impostiamo la password con

passwd maurizio

dettagli nella gestione users in linux

exit per uscire dal chroot

(chroot) $ exit

Se tutto è statao fatto correttamente l’installazione manuale di ubuntu è terminata.

Prima di riavviare fare l’upgrade di grub 2.0 per avere la partizione disponibile all’avvio

Advertisements
  1. Non c'è ancora nessun commento.
  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: