Archivio

Posts Tagged ‘remastersys’

Installare e utilizzare Remastersys in Ubuntu 12.10

febbraio 23, 2013 8 commenti

Obiettivo: installare remastersys versione 3.0.4-2 in ubuntu 12.10 e suo utilizzo,

Remastersys è un tool decisamente efficace utilizzato in Debian, Ubuntu e distro derivate per ottenere un sistema live su CD/DVD da un sistema installato. In pratica una sorta di “backup” del sistema compresi o meno i dati personali da utilizzare e installare ovunque.

Da un punto di vista operativo usare la modalità:

  • Backup:  per salvare una live installabile che sia copia dell’ installazione di ubuntu o debian  in uso con i propri dati personali username, password, impostazioni utente… cosi da avere sotto mano in caso di emergenza o necessità il proprio ambiente di lavoro.
  • Distribution:  per creare una live installabile da distribuire con le caratteristiche della distribuzione in uso senza i dati personali.
Live DVD/CD  personalizzata e/o Backup per Ubuntu Debian

Live DVD/CD personalizzata e/o Backup per Ubuntu Debian

Installare Remastersys

passiamo a root e scarichiamo la gpg key del repository specifico in http://www.remstaersys.com

sudo su 
wget -O - http://www.remastersys.com/ubuntu/remastersys.gpg.key | apt-key add -

Adesso indichiamo il repository in /etc/apt/sources.list con la versione di ubuntu in uso e qualche riga di commento

echo "# Remastersys" >>  /etc/apt/sources.list

Per Ubuntu 12.10 Quantal Quetzal

echo "# Quantal" >> /etc/apt/sources.list
echo "deb http://www.remastersys.com/ubuntu quantal main" >> /etc/apt/sources.list

poi per Ubuntu 12.04 Precise

echo "# Precise" >> /etc/apt/sources.list
echo "deb http://www.remastersys.com/ubuntu quantal main" >> /etc/apt/sources.list
Controllare con cat versione quantal quetzal

cat /etc/apt/sources.list# cat /etc/apt/sources.list
....
# deb-src http://extras.ubuntu.com/ubuntu quantal main
# Remastersys
# Quantal
deb http://www.remastersys.com/ubuntu quantal main

oppure modicare il file /etc/sources.list con un editor ad esempio

nano /etc/apt/sources.list

Adesso aggiornare la lista dei pacchetti con apt-get  e installare remastersys, la versione per linea di comando,  e remastersys-gui,  con  interfaccia grafica.

apt-get update 
apt-get install remastersys remastersys-gui
exit

Utilizzare Remstersys

Remastersys può essere utilizzato sia da linea di comando che utilizzando l’interfaccia grafica.

L’interfaccia grafica è pulita e chiara e non servono particolari indicazioni le scelte essenziali sono presenti nella prima schermata.

Il file di configurazione è /etc/remastersys.conf

Remstersys cambio directory di default

Di default remastersys utilizza la cartella /home/remastersys come directory di lavoro: in questa cartella,con permessi root,  viene creata una ulteriore cartella remastersys che conterrà i files elaborati. Personalmente considerato che si maneggia una distribuzione e lo spazio necessario in MB/GB  potrebbe essere consistente, preferisco modificare il percorso utilizzando un’altra partizione. Per cambiare la cartella di lavoro a livello di  interfaccia grafica modificare WORKDIR  nella maschera [Config File] –  pulsante <Customize> e quindi <Configure>.

Remastersys Customize

Remastersys Customize

remastersys config file

remastersys config file

oppure da terminale si può rimuovere la cartella remastersys  di default e creare il link simbolico remastersys ad altro percorso. Ad esempio per utilizzare altra partizione Backup montata in media

cd /home
sudo rmdir remastersys
sudo mkdir /media/Backup/remastersys
sudo ln -s  /media/Backup/remastersys   remastersys

Utilizzare remastersys  da terminale

L’utilizzo da terminale di remastersys è agevole. Per creare una live distribuibile del proprio sistema

sudo remastersys dist

Per creare una copia di backup con la propria user dir e i propri dati

sudo remastersys backup

Il nome del file .iso generato sarà custom.iso. e può essere modificato ad esempio in remastersys.conf.

Per rimuovere i files di lavoro

sudo remastersys clean

Testare/avviare le immagini prodotte con remastersys

Per testare le immagini prodotte da remastersys si può utilizzare kvm/qemu.

kvm -cdrom custom-backup.iso -m 1024 -vga std

L’immagine prodotta può essere anche utilizzata per generare una macchina virtuale

live remastersys

Per ulteriori dettagli sul test della ISO fare riferimento al seguente post Provare le immagini ISO live in Ubuntu 12.10 – remastersys – qemu

/etc/remastersys.conf
#Remastersys Global Configuration File

# This is the temporary working directory and won't be included on the cd/dvd
WORKDIR="/home/remastersys"

# Here you can add any other files or directories to be excluded from the live filesystem
# Separate each entry with a space
EXCLUDES=""

# Here you can change the livecd/dvd username
LIVEUSER="custom"

# Here you can change the name of the livecd/dvd label
LIVECDLABEL="Custom Live CD"

# Here you can change the name of the ISO file that is created
CUSTOMISO="custom-$1.iso"

# Here you can change the mksquashfs options
SQUASHFSOPTS="-no-recovery -always-use-fragments -b 1M -no-duplicates"

# Here you can prevent the Install icon from showing up on the desktop in backup mode. 0 - to not show 1 - to show
BACKUPSHOWINSTALL="1"

# Here you can change the url for the usb-creator info
LIVECDURL="http://www.remastersys.com"

Altri post con argomenti correlati:

Provare le immagini ISO live in Ubuntu 12.10 – remastersys – qemu

Grazie all’ emulatore QEMU risulta agevole, in ubuntu 12.10 testare  una distribuzione live per la quale sia diponibile una ISO. Ovviamente la modalità si presta anche per provare le proprie ISO create ad esempio con remastersys

Installare qemu con:

sudo apt-get install qemu-kvm

Se si è generata una custom-backup.iso con remastersys può essere avviata ed utilizzata con

kvm -cdrom custom-backup.iso -m 1024 -vga std

Con l’opzione  -m 1024  si intervenie sulla  la RAM da dedicare alla macchina virtuale,  con  -vga std  sulla risoluzione

Per utilizzare anche l’audio utilizzare l’opzione -soundhw ad esempio:

kvm -cdrom custom-backup.iso -m 1024 -vga std -soundhw all

Di seguito alcune schermate di una macchina virtuale Lubuntu 12.10  ottenuta con remastersys opzione backup file custom-backup.iso:
1) avvio

ubuntu 12.10 qemu-remastersys avvio ubuntu 12.10 qemu-remastersys start

 

2) desktop e windows manager a disposizione

ubuntu 12.10 qemu-remastersys

3) environment awesome si nota pcmanfm con protocollo sftp su macchina remota della rete locale la risoluzione video è 1920×1080.

Comunque con qemu possiamo avviare qualsiasi iso live ad esempio se si dispone della iso slax: slax-6.1.2.iso
La live potrà essere eseguita  con :

kvm -cdrom slax-6.1.2.iso -m 512

Sel il PC presenta qualche GB di RAM ( ad esempio 4GB)  L’avvio di ISO con qemu risultarà senz’altro efficace.

Volendo è possibile anche indicare il disco immagine  IDE hard disk 0.
Per creare il disco immagine

qemu-img create  qemu_hda.img 2G

Quindi il comando per lanciare la ISO diventa

kvm  -cdrom slax-6.1.2.iso  -hda qemu_hda.img   -m 512

oppure

kvm  -cdrom slax-6.1.2.iso  -hda qemu_hda.img   -m 512 -boot d

Nota: Il formato di default per il disco immagine è raw volendo si può precisare anche il formato vmdk di vmware :    qemu-img create  -f vmdk qemu_hda.vmdk 2G

E possibile anche utilizzare interfaccie grafiche per l’avvio di qemu ad esempio qemu-launcher che si installa con:.

sudo apt-get install qemu-launcher

qemu-laucher

Installare Remastersys in Ubuntu 12.04

settembre 10, 2012 Lascia un commento

New_icons_17 Installare e utilizzare Remastersys in Ubuntu 12.10

Remastersys è un tool utilizzato in Debian, Ubuntu e distro derivate per ottenere un live CD/DVD con un backup completo del sistema compresi o meno i dati personali da utilizzare e installare ovunque.

In pratica se si desidera salvare una copia della installazione di Ubuntu in uso con i propri dati personali username, password, impostazioni utente… cosi da avere sotto mano in caso di emergenza o necessità il proprio ambiente di lavoro si crea una live installabile utilizzando la modalità Backup.
Se si deisdera creare una live installibile da distribuire si utilizza la modalità Distribution.

Linux Backup to Live Media Tool for Debian and Ubuntu

Linux Backup to Live Media Tool for Debian and Ubuntu

Installare Remastersys con il metodo manuale

passiamo a root e scarichiamo la gpg key del repository specifico

sudo su 
wget -O - http://www.remastersys.com/ubuntu/remastersys.gpg.key | apt-key add -

Adesso indichiamo il repository in /etc/apt/sources.list con la versione di ubuntu in uso e qualche riga di commento

echo "# Remastersys" >>  /etc/apt/sources.list

poi per Ubuntu 12.04 Precise

echo "# Precise" >> /etc/apt/sources.list
echo "deb http://www.remastersys.com/ubuntu precise main" >> /etc/apt/sources.list

controllare con     cat /etc/apt/sources.list

# cat /etc/apt/sources.list
....
# deb-src http://extras.ubuntu.com/ubuntu precise main
# Remastersys
# Precise
deb http://www.remastersys.com/ubuntu precise main

procedere analogamente per le versioni precedenti di Ubuntu che sono tutte supportate (Ubuntu Version – Versioni Ubuntu )
ad esempio per la 11.10 oneric

echo "# Oneric" >> /etc/apt/sources.list
echo "deb http://www.remastersys.com/ubuntu oneric main" >> /etc/apt/sources.list

oppure modicare il file /etc/sources.list con un editor ad esempio

 nano  /etc/apt/sources.list

Adesso aggiorniamo la lista dei pacchetti con apt-get disponibili e installiamo

apt-get update 
apt-get install remastersys remastersys-gui
exit

Altri post con argomenti correlati:

Categorie:Ubuntu Tag:

Ubuntu 12.04 estremamente leggero e veloce con EDE – Equinox Desktop Manager

[Aggiornamento ottobre 2012]
EDE,  desktop manager veloce e di piccole dimensioni, è un a soluzione decisamente buona per hardware datato o obsoleto. Facile da usare è anche portable ( Minix, Zaurus, Xbox) . Comunque per server ubuntu se proprio serve un environment manager conviene usare window manager quali, fluxbox, openbox., o una soluzione desktop manger come lxde-core  con però Xserver  minimale (falso) : Installazione di X server minimale con Xvnc e Xrdp – remote desktop

———————————————————-
[agosto 2012]
Rilasciata in maggio dopo 5 anni la versione 2.0 di EDE desktop environment (Equinox Desktop Environment). EDE è un desktop manager molto leggero, più leggero di LXDE, con un look and feel (L&F) amichevole e familiare. Scritto in C++  consente  un avvio veloce, un contenuto consumo di memoria, grande portatilità, velocità di esezuione e di compilazione. Con la versione 2.0 EDE è ancora più aderente ai freedesktop.org standards. Sviluppato con FLTK  ( Fast Light ToolKit ) .

Questo il link per la versione live di Ubuntu 12.04 con EDE quale unico desktop manager http://www.remastersys.com/downloads

Il link alla news New Distribution showcasing EDE – Equinox Desktop Environment.

Ubuntu 12.04 EDE Live screenshot

Ubuntu 12.04 estremamente leggero e veloce con EDE – Equinox Desktop Manager

Le applicazioni incluse sono:

EDE 2.0
edelib 2.0.1
pcmanfm
leafpad
abiword
gnumeric
evince
file-roller
dia
mtpaint
synaptic
remastersys
firefox
mplayer
gparted
xfburn and a few other smaller apps

Una volta scaricata la iso può essere provata in Debian/Ubuntu con

kvm -cdrom rem-ede-final.iso -m 512

Per altri dettagli sul test delle iso Testare una ISO in Ubuntu 12.04

Per installare manualmente la iso live si può utilizzare la seguente procedura

Installare Ubuntu 12.04 Manualmente

Remarstersys.com  è il sito dedicato al tool remastersys che può utilizzato in Debian, Ubuntu e distro derivate per ottenere un live CD con un backup completo del sistema  compresi o meno i dati personali da utilizzare e installare ovunque.

Utilizzo Risorse confronti:

RAM:

  • gtk-demo 3.1 MB
  • qdbusviewer 7.9 MB
  • FLTK*  fluid, a GUI designer 1.9 MB

Disk size:

  • libgtk-3.so 4 MB
  • libgtk-x11-2.0   4 MB
  • libQt  40 MB
  • libfltk* con debug information 6 MB

* FLTK  ( Fast Light ToolKit )  ( no Qt, no Gtk+, no X API )

mirror.be.gbxs.net/video.fosdem.org//2013/lightningtalks/EDE,_a_light_desktop_environment.webm