mplayer, VLC, kaffeine e Me-TV a confronto – i player per la DVB-TV in ubuntu linux

Diversi sono i programmi utilizzabili in Ubuntu linux per visualizzare la TV digitale. Tra i principali abbiamo Me-tv e Kaffeine che nascono già come player per la DVB-TV e i classici mplayer e VLC. Mentre i primi due integrano lo scanner per la sintonia dei canali digitali i secondi preferiscono appoggiarsi a uno scanner esterno, in genere w_scan ( w_scan lo scanner per i canali del digitale terrestre DVB-TV ).
Per quanto riguarda le risorse (consumo cpu, memoria spazio disoc ) mplayer è , come prevedibile, il meno vorace di risorse seguito da Me-tv, VLC e Kaffeine. Kaffeine, in particolare, su installazioni leggere come LXDE, richiede anche oltre 250 MB di spaizo disco. Per quanto attiene alla qualità e usabilità le mie preferenze vanno a VLC, Kaffeine, Me-tv e mplayer ( Per quanto riguarda mplayer la qualità migliora decisamente installando mplayer2 )

mplayer

installare mplayer e lo scanner w_scan con

sudo apt-get install mplayer w_scan

per ottenere l’elenco dei canali del digitale terrestre

w_scan -M -ft -c IT -E 0 -t 2 > channels.conf

Quindi copiare il file channels.conf in .mplayer.
Visualizzare il primo canale dell’elenco con

mplayer dvb://

per visualizzare un canale specifico

mplayer dvb://Nome-Canale-in-elenco
mplayer dvb://"Rai 1"
mplayer

mplayer

E possibile muoversi tra i canali con i tasti  [h]  e [k]

VLC

Per ottenere i canali da visualizzare con VLC

 w_scan  -ft -c IT -X -t 2 -E 0 > channels-v.conf

Quindi l’elenco dei canali in channels-v.conf va importato con
Media->Open_File
in Playlist sarà possibile effettuare la selezione dei canali.
Con un semplice drag and drop sarà possibile modificare l’ordine dei canali presenti nella playlist.

VLC DVB-TV

VLC DVB-TV

Me-tv

Me-tv

in caso di problemi con la visione dei canali ( in particolare i canali mediaset: canale 5 italia 1 ) avviare vlc da terminale in debug mode con

vlc --dvb-budget-mode

Me-TV

Me-Tv è specificamente pensato per la visualizzazione della TV e si installa con

sudo apt-get install me-tv

Al primo avvio viene presentata una maschera in cui si può optare per la ricerca dei canali televisivi utilizzando lo scanner interno oppure per caricare un file w_scan.
Come già premesso è un programma essenziale con un contenuto consumo di risorse.

Me TV Scan Wizard

Me TV Scan Wizard

.

Kaffeine

Kaffeine è un programma completo e ricco di funzioni. Ad esempio consente anche la registrazione contemporanea di più canali se appartenenti allo stesso mux. La qualità della visione è l’usabilità sono molto buone. Unico aspetto negativo il consumo di risorse che è il più elevato dei quattro sia intermini di cpu che di spazio disco.  Informazioni più articolate nel post dedicato a  Kaffeine
Comunque per installare kaffeine in ubuntu

sudo apt-get install kaffeine

La sintonizzaizone dei canali richiede alcune operazionei in menu differenti
prima impostare in device il source corretto:

Kaffeine configure television  DVB-TV

Kaffeine configure television DVB-TV

Television > Configure Television
clikkare il tab con il device attivo e selezionare in
Source: [Autoscan] oppure [Autoscan Italia]

spostarsi in
Television > Channels e clikkare Start Scan

quindi   <Add>

Kaffeine-Channels

Kaffeine Channels DVB-Tv

kaffeine DVB-TV

kaffeine DVB-TV

Annunci

Ubuntu rimuovere kernel obsoleti via terminale

[aggiornamento 2013 luglio ]

Determinare il kernel in esecuzione che in genere è il kernel corrente.

uname -r
maurizio@rarl1304:~$ uname -r
3.8.0-26-generic

visualizzare i kernels installati

dpkg --list | grep linux-image

maurizio@rarl1304:~$ dpkg --list | grep linux-image 

ii  linux-image-3.8.0-22-generic          3.8.0-22.33                         amd64        Linux kernel image for version 3.8.0 on 64 bit x86 SMP
ii  linux-image-3.8.0-23-generic          3.8.0-23.34                         amd64        Linux kernel image for version 3.8.0 on 64 bit x86 SMP
ii  linux-image-3.8.0-25-generic          3.8.0-25.37                         amd64        Linux kernel image for version 3.8.0 on 64 bit x86 SMP
ii  linux-image-3.8.0-26-generic          3.8.0-26.38                         amd64        Linux kernel image for version 3.8.0 on 64 bit x86 SMP
rc  linux-image-extra-3.8.0-19-generic    3.8.0-19.30                         amd64        Linux kernel image for version 3.8.0 on 64 bit x86 SMP
rc  linux-image-extra-3.8.0-21-generic    3.8.0-21.32                         amd64        Linux kernel image for version 3.8.0 on 64 bit x86 SMP
ii  linux-image-extra-3.8.0-22-generic    3.8.0-22.33                         amd64        Linux kernel image for version 3.8.0 on 64 bit x86 SMP
ii  linux-image-extra-3.8.0-23-generic    3.8.0-23.34                         amd64        Linux kernel image for version 3.8.0 on 64 bit x86 SMP
ii  linux-image-extra-3.8.0-25-generic    3.8.0-25.37                         amd64        Linux kernel image for version 3.8.0 on 64 bit x86 SMP
ii  linux-image-extra-3.8.0-26-generic    3.8.0-26.38                         amd64        Linux kernel image for version 3.8.0 on 64 bit x86 SMP
ii  linux-image-generic                   3.8.0.26.44                         amd64        Generic Linux kernel image

Elencare gli headers installati

ls /usr/src | grep 'linux-headers'
maurizio@rarl1304:~$ ls /usr/src | grep 'linux-headers'
linux-headers-3.8.0-22
linux-headers-3.8.0-22-generic
linux-headers-3.8.0-23
linux-headers-3.8.0-23-generic
linux-headers-3.8.0-25
linux-headers-3.8.0-25-generic
linux-headers-3.8.0-26
linux-headers-3.8.0-26-generic

Rimuovere i vecchi kernels

Rimuovere uno specifico kernel comporta una liberazione di spazio fino a 150MB e rimuovere un headers può liberare fino a 100M.

E’ preferibile rimuovere dapprima gli headers

sudo apt-get purge linux-headers-3.8.0-19
maurizio@rarl1304:~$  sudo apt-get purge linux-headers-3.8.0-22 
Reading package lists... Done
Building dependency tree       
Reading state information... Done
The following packages will be REMOVED:
  linux-headers-3.8.0-22* linux-headers-3.8.0-22-generic*
0 upgraded, 0 newly installed, 2 to remove and 3 not upgraded.
After this operation, 72,1 MB disk space will be freed.
Do you want to continue [Y/n]? 
(Reading database ... 225392 files and directories currently installed.)
Removing linux-headers-3.8.0-22-generic ...
Removing linux-headers-3.8.0-22 ...

.
Rimossi gli headers rimuovere il kernel

sudo apt-get purge linux-image-3.8.0-22-generic
o 
sudo apt-get purge linux-image-3.8.0.19-xxx      ##  esempio xx = pae ...etc
maurizio@rarl1304:~$sudo apt-get purge linux-image-3.8.0-22-generic 
Reading package lists... Done
Building dependency tree       
Reading state information... Done
The following packages will be REMOVED:
  linux-image-3.8.0-22-generic* linux-image-extra-3.8.0-22-generic*
0 upgraded, 0 newly installed, 2 to remove and 0 not upgraded.
After this operation, 163 MB disk space will be freed.
Do you want to continue [Y/n]? 
(Reading database ... 225392 files and directories currently installed.)
Removing linux-image-extra-3.8.0-22-generic ...
Examining /etc/kernel/postrm.d .
run-parts: executing /etc/kernel/postrm.d/initramfs-tools 3.8.0-22-generic /boot/vmlinuz-3.8.0-22-generic
update-initramfs: Deleting /boot/initrd.img-3.8.0-22-generic
run-parts: executing /etc/kernel/postrm.d/zz-extlinux 3.8.0-22-generic /boot/vmlinuz-3.8.0-22-generic
P: Checking for EXTLINUX directory... found.
P: Writing config for /boot/vmlinuz-3.8.0-26-generic...
P: Writing config for /boot/vmlinuz-3.8.0-25-generic...
.....
.....
Found Ubuntu 12.04.1 LTS (12.04) on /dev/sda15
Found Ubuntu 11.10 (11.10) on /dev/sdb4
done
Purging configuration files for linux-image-3.8.0-22-generic ...
Examining /etc/kernel/postrm.d .
run-parts: executing /etc/kernel/postrm.d/initramfs-tools 3.8.0-22-generic /boot/vmlinuz-3.8.0-22-generic
run-parts: executing /etc/kernel/postrm.d/zz-extlinux 3.8.0-22-generic /boot/vmlinuz-3.8.0-22-generic
P: Checking for EXTLINUX directory... found.
P: Writing config for /boot/vmlinuz-3.8.0-26-generic...
P: Writing config for /boot/vmlinuz-3.8.0-25-generic...
P: Writing config for /boot/vmlinuz-3.8.0-23-generic...
P: Installing debian theme... done.
run-parts: executing /etc/kernel/postrm.d/zz-update-grub 3.8.0-22-generic /boot/vmlinuz-3.8.0-22-generic

 

Grub2 e Kernels

Quando si rimuove un kernel si dovrebbe osservare a video l’aggiornamento del menu di grub dal quale vengono eliminate le voci relative ai kernel rimossi

Nel caso non venga aggiornato grub2 procedere manualemnte così da eliminare dal menu di grub2 le voci relative ai kernel rimossi.

sudo update-grub2

Risorse:

Come determinare se il sistema è a 32 o 64 bit in linux ubuntu debian

[Aggiornamento 2013]

Per determinare se il sistema linux è a 32 o 64 bit  un modo rapido ed efficace è usare il comando uname:

uname -a

Se a 32bit nelle righe di output si troverà la stringa “i686 GNU/Linux
Se a 64bit nell’output ci sarà “x86 64 GNU/Linux

:~$ uname -a
Linux lub12-10-i2c 3.5.0-23-generic #35-Ubuntu SMP Thu Jan 24 13:15:40 UTC 2013 x86_64 x86_64 x86_64 GNU/Linux

Altro comando utile per vedere se il processore supporta i 64 o i 32 bit

lscpu 
:~$ lscpu
Architecture:          x86_64
CPU op-mode(s):        32-bit, 64-bit
Byte Order:            Little Endian
CPU(s):                3
On-line CPU(s) list:   0-2
Thread(s) per core:    1
Core(s) per socket:    3
Socket(s):             1
NUMA node(s):          1
Vendor ID:             AuthenticAMD
CPU family:            16
Model:                 2
Stepping:              3
CPU MHz:               1150.000
BogoMIPS:              4610.04
Virtualization:        AMD-V
L1d cache:             64K
L1i cache:             64K
L2 cache:              512K
L3 cache:              2048K
NUMA node0 CPU(s):     0-2

Determinare la versione linux utilizzando l’interfaccia grafica

Hardinfo

Oppure installare hardinfo un utile tools per controllare il sistema ed eseguire benchmarks

sudo apt-get install hardinfo
Hardinfo-operating system

About ubuntu

selezionare Operating System nel menu di sinistra

In Ubuntu una volta attivata  l’interfaccia grafica
la versione può essere determinata:
1) accedendo al menu “About Ubuntu” in “System”
2) lanciando “System Monitor” in “System” “Administration”
tab “System”

Come Configurare QuickSynergy

Sinergy un’efficente applicazione per condividere mouse e tastiera tra vari computer con diversi sistemi operativi e QuickSinergy un efficace tool grafico per configurare Sinergy. In ubuntu gli applicativi si trovano direttamente nell’Ubuntu Software Center.

Di seguito come impostare quicksynergy nell’ipotesi più semplice cioè con due computers coinvolti.
Ciascuno dei due computer alla fine dovrà avere in esecuzione synergy che verrà configurato con quicksynergy. Synergy agirà in un computer da server: computer che controlla (anche chiamato computer host) e nell’altro computer agirà da client:computer controllato.

Lanciare QuickSynergy nel computer server quello con tastiera e mouse che controllano (computer host). Nel tab “Share” inserire il nome dello Screen Name. Il nome va inserito in una delle quattro posizioni a disposizione. Lo Screen Name è il nome che si assegnerà al computer che verrà controllato. La posizione verrà scelta a seconda della collocazione del secondo monitor. Ad esempio: inseriamo UStudio nel campo a destra.
Premiamo Execute.

Ci spostiamo nel computer da controllare (client) lanciamo QuickSinergy ci spostiamo nel tab “Use”. Nel campo “Screen Name” inseriamo seguendo l’esempio “UStudio”.Nel campo “Server hostname/IP address inseriamo il numero ip o il nome del computer che controlla (server).
Premiamo Execute il computer client sarà sotto il controllo del mouse e della tastiera del server.

IMPORTANTE:
L’ordine di attivazione del tasto Execute è fondamentale prima bisogna attivare il server e poi è possibile mettere sotto il suo controllo il/i client/s premendo il tasto Execute in questi. Ancora poichè ogni computer può agire da server o cliente il tasto Execute varia a seconda del tab selezionato. Pertanto va premuto Execute con selezionato il tab corretto. “Share” per il server “Use” per i clients

Ps. per controllare il numero ip da terminale utilizzare in linux ifconfig in windows ipconfig.

I progetti:
synergy
quicksynergy

Cambiare i metadati di un file pdf in Linux

[Aggiornamento 2012 novembre]

Se si desidera cambiare i pdf in modo diretto e veloce
fare riferirmento a  questo nuovo post sull’argomento

Edit pdf metadata – cambiare velocemente i metadati di un file pdf in ubuntu linux debian

—–

Per cambiare i metadati di un file pdf quali titolo, autore, soggetto si può utilizzare pdftk.

installare pdftk:

sudo apt-get install pdftk

Per modificare i meta-dati di un file ad esempio miopdf.pdf si può agire nel
nel modo seguente:
Si estraggo i meda-dati dal pdf.

pdftk miopdf.pdf dump_data output miopdf-meta.txt

I meta-dati vengono scritti nel file miodpdf-meta.txt
Quindi si edita il file miopdf-meta.txt secondo le proprie esigenze e successivamente si caricano i nuovi meta dati nel pdf.
Il file con i meta-dati nel nostro caso miopdf-meta.txt conterrà valori chiave quali:

InfoKey: Title
InfoValue: Eurotech News 10 gennaio 2010
InfoKey: Author
InfoValue: Maurizio
InfoKey: Keywords
InfoValue: Eurotech Zypad wearable computer
InfoKey: Producer
InfoValue: GPL Ghostscript 8.1

 

Modificati i dati si aggiorna il pdf caricando i nuovi meta e generando una copia del documento con:

pdftk miopdf.pdf update_info miopdf-meta.txt output bookcopy.pdf 
altro post per modifica veloce con exiftool dei metadata pdf e non solo
Edit pdf metadata –  modifca veloce dei metadati di un file pdf in ubuntu linux debian

lvm – logical volume manager

Lo scopo  di Logical Volume Management  (LVM) è rendere la gestione del dischi più efficace ed efficente.  Con LVM è possibile   estendere o ridurre dinamicamentele “partizioni” a seguito di aggiunta o riduzione di dischi Phisical Volumes (PV) .

Lvm in debian  ubuntu  si installa con

sudo apt-get install lvm2

Utilizzare le partizioni LVM

La prima operazione consiste nel preparare le partizioni per creare lo spazio disco LVM:

pvcreate /dev/sdb1 /dev/sdc2 /dev/sdd1

e possibilie rimuovere le partizioni dallo spazio disco LVM

pvremove /dev/sdb1 /dev/sdc2 /dev/sdd1

Quindi si può  creare  il  volume group (LVM) ad esempio:  fileserver
utilizzando il comando vgcreate:

vgcreate fileserver /dev/sdb1 /dev/sdc2 /dev/sdd1

E’ possibile visualizzare i volumi fisici e lo stato del volume fisico con :

pvscan           ## lista tutti i volumi fisici 
pvs              ## informazioni sui volumi fisici 
pvdisplay        ## vari attributi del o dei volumi fisici

Testare òla consistenza dei metadati LVM con

pvck -v /dev/sda3

visualizzare lo stato dei gruppi del volume logico:

vgdisplay
vgscan

rimonimare il volume group fileserver in data

vgrename fileserver data

rimuovere il volume group data

vgremove data

Una volta creato il Volume Group si utilizza  lvcreate per creare i voumi logici (“partizioni logiche”) nel volume group fileserver.
Per creare il volume logico share

lvcreate --name share --size 40G fileserver

Per visualizzare i volume logici del volume group fileserver

lvdisplay
lvscan

Per rimuovere il volume logico share:

lvremove /dev/fileserver/share

Con LVM è agevole variale le dimensioni della partizioni o meglio volumi logici.
Per incrementare le dimensioni del volume logico share da 40G a 45G

lvextend -L45G /dev/fileserver/share

Per ridurre le dimensioni del volume logico share a 37,5

lvreduce -L37.5G /dev/fileserver/share

Per poter utilizzare il volume logico share bisogna creare il file system (formattare) .
Utilizzeremo in sharee  un filesystem ext3.

mkfs.ext3 /dev/fileserver/share

Adesso è possibile il mount di  share in media/share

mount /dev/fileserver/share /media/share

Per controllare spazio disco

df -h

Estendiamo a 50G share

lvextend -L50G /dev/fileserver/share

Una volta ampliato il volume logico applicare il filesystem

e2fsck -f /dev/fileserver/share

Make a note of the total amount of blocks (10485760) because we need it when we shrink share later on.

Per aggregare una nuova partizione /dev/sdc3 al Volume Group fileserver.
Predisponiamo la partizione

pvcreate /dev/sdc3

Quindi aggiungiamo /dev/sdc3 a fileserver volume group:

vgextend fileserver /dev/sdc3

Altrettando agevole risulta l’operazione inversa quella di rimozione di una partizione.
Ad esempio rimuoviamo la partizione sdb1. Copiamo d’apprima i dati della partizione sdb1
nella partizione aggiunta sbc3.

pvmove /dev/sdb1 /dev/sdc3

A questo punto è possibile rimuovere in sicuerzza la partizione /dev/sdb1 dal volume group fileserver.
Rimuoviamo prima sdb1 dal volume group

vgreduce fileserver /dev/sdb1

e quindi dal volume fisico

pvremove /dev/sdb1

Per rimuovere il  volume group è necessario prima rimuovere ogni singolo volume logico con lvremove:
Ad esempio si rimuove il volumen logico media con

lvremove /dev/fileserver/media

E si riperte l’operazione per tutti gli altri volumi logici quindi è possibile rimuovere il volume group fileserver

vgremove fileserver

E quindi rimuovere i volumi fisici

pvremove /dev/sdc2 /dev/sdd1 /dev/sdc3
lvm digram

lvm digram from

I file di dispositivo relativi ai Volumi Logici (LV) creati dovrebbero essere disponibili in /dev/NomeDelGruppoDiVolumi e anche in /dev/mapper/.
Se non sono presenti, provare i seguenti comandi:

 modprobe dm-mod 
 vgchange -ay

Directory e files 

## Directories
/etc/lvm                         – default lvm directory
/etc/lvm/backup         –  directory per i  backups automatici
/etc/lvm/cache            –  cache filtro persistente
/etc/lvm/archive         –  directory degli automatic archives  dopo un cambio di volume group
/var/lock/lvm              –  lock files per prevenire la corruzione dei metadati

# Files
/etc/lvm/lvm.conf       – file princiaple di configurazione per lvm
$HOME/.lvm               – lvm history

Tools

system-config-lvm : GUI per lvm

lvmdump
lvmdump -d <dir>
dmsetup [info|ls|status]

Nota: di defualt  lvmdump crea un tar bal

Ottimo howto:  lvm howtoforge

e  Logical Volume Manager
Con trattazione di lvm anche nei sistemi raid.

lvm scheme full raid

lvm scheme full raid

Codec Audio Video per Ubuntu Linux

Nei sistemi Linux l’installazione di default consente di riprodurre un numero limitato di formati audio video: i formati “free”. Per riprodurre ad esempio i files mp3, wma o dvx è necessario installare i codec specifici. Per installare i codec principali in Ubuntu è possibile installare il pacchetto ubuntu-restricted-extras . Nellla pagina la composizione del pacchetto se si desidera manualmente installare solo una parte delle librerie::

sudo apt-get install ubuntu-restricted-extras

Confermare la licenza per scaricare i font Microsoft che appare durante lì’installazione.

Altri codec sempre per ragioni di lincenza sono presenti nel repository Medibuntu, in basso nella pagina la composizione in pacchetti. Potrà in particolare risultare utile l’installazione dei codec per la riproduzione di DVD Video con Ubuntu. Da terminale:

Ubuntu 32bit

sudo apt-get install w32codecs libdvdcss2

Ubuntu 64bit

sudo apt-get install w64codecs libdvdcss2

I repository Medibuntu in Ubuntu si possono attivare da terminale con :

sudo -E wget --output-document=/etc/apt/sources.list.d/medibuntu.list http://www.medibuntu.org/sources.list.d/$(lsb_release -cs).list

sudo apt-get --quiet update
sudo apt-get --yes --quiet --allow-unauthenticated install medibuntu-keyring
sudo apt-get update

Composizione del pacchetto ubuntu-restricted-extras

Per installare solo ciò che si desidera evitare l’installazione di ubuntu-restricted-extras e procedere manualmente di seguito le singole librerie o pacchetti. In grassetto i codec più utilizzati.

abextract = estrae i file .cab Microsoft
flashplugin-nonfree = flash player per il browser
freepats = per la sintesi dei file MIDI
gsfonts-X11 = caratteri ghostscript per X11
gstreamerX.XX-ffmpeg/pitfdll/plugins-bad/plugins-bad-multiverse/plugins-ugly/plugins-ugly-multiverse = per la decodifica di vari formati video (MicrosoftOK)
java-common = per utilizzare la tecnologia java
liba52-X.X.X = per decodificare ATSC e A/52
libavcodec51 = codec per ffmpeg che supporta vari formati
libavformat52 = libreria per vari formati per ffmpeg
libavutil49 = necessari per le utility di ffmpeg
libcdaudio1 = per il controllo degli audio CD
libdc1394-22 = per le camere digitali basate sull’ IEEE 1394
libdvdnav4 = per navigare nei menù DVD
libdvdread3 = per la lettura dei DVD
libfaac0 = encoder audio AAC
libfaad0 = decoder audio AAC
libfftw3-3 = libreria per il calcolo dell’ FFT
libfreebob0 = codec per hardware audio BeBoB
lbgmyth0 = per accedere a MythTV
libgsm1 = libreria per la comprensione del linguaggio GSM
libid3tag0 = per leggere etichette ID£ del progetto MAG
libiptcdata0 = libreria per manipolare IPTC
libjack0 = per la connessione audio JACK
libmad0 = per la decodifica audio MPEG
libmjpegtools0c2a = per l’editing del formato MJPEG
libmms0 = per il protocollo mms
libmp3lame0 = encoder mp3
libmpcdec3 = decoder mp3
libmpeg2-4 = decoder MPEG1 MPEG2
libmysqlclient15off = per il database MySQL
libneon27-gnutls = per i client HTTP e WebDAV
libofa0 = per l’impronta acustica
libopenspc0 = per i file SPC
libpostproc51 = per il postprocesso dei video con ffmpeg
libquicktime1 = per i file quicktime
libsidplay = emulatore per C64
libsoundtouch1c2 = per gestire il tempo su file audio
libswscale0 = per la scaling video in ffmpeg
libwildmidi0 = per player MIDI
libx264-57 = per formati MPEG-4 AVC
libxvidcore4 = MPEG4 codec
msttcorefonts = fonts Microsoft TrueType
mysql-common = common file per MySQL
odbcinst1debian1 = per accedere ai file ini odbc
sun-java6-bin/ire/plugin = per la piattaforma java
ubuntu-restricted-extras = il metapacchetto che racchiude il tutto
unixodbc = librerie per strumenti ODBC
unrar = per estrarre gli archivi .rar
xutils-dev = programmi per lo sviluppo dell’ X-Windows-system

gstreamer plugin

  • gstreamer0.10-plugins-really-bad ( non disponibile in debian ) per il formato AAC
  • gstreamer0.10-lame ( non disponibile in debian ) per il formato mp3
  • gstreamer0.10-plugins-ugly per il formato mp2

non-free-codecs ubuntu

Non free-codecs è un pacchetto che si propone di rendere disponibili in un unico blocco tutti i pacchetti necessari per la riproduzione dei formati proprietari ed è ospitato nel repository Medibuntu . Si installa con:

sudo apt-get install non-free-codecs

w32codecs: win32 binary codecs

Il pacchetto contiene i video codecs per i più popolari formati non suttorati nativamente da mplayer.

 ATI VCR-2 video codec.
 Cinepak video codec
 DivX  video codec, ver. 3.11
 DivX  video codec, ver. 4.x
 Indeo Video 3.2/4.1/5.0/4.1 quick/5.0 quick codecs.
 Intel 263 video codec.
 Microsoft MPEG-4 video codec, beta version 3.0.0.2700
 Morgan Multimedia Motion JPEG video codec.
 QuickTime
 RealAudio
 RealVideo 8
 RealVideo 9
 Windows Media Video 9

pacchetti Medibuntu

(Multimedia, Entertainment & Distractions In Ubuntu)

aacgain
aacplusenc
acroread-fonts
alsa-firmware
app-install-data-medibuntu
apport-hooks-medibuntu
hot-babe
ices
libavcodec-extra-53
libavdevice-extra-53
libav-extra-dbg
libavfilter-extra-2
libavformat-extra-53
libavutil-extra-51
libdvdcss2
libdvdcss-dev
libpostproc-extra-52
libswscale-extra-2
medibuntu-keyring
mencoder
mplayer-dbg
mplayer-doc
mplayer-gui
mplayer
non-free-codecs
rmconverter
w32codecs 
w64codecs

Per disattivare i componenti non-free

sudo sed -e 's/ non-free//' -i /etc/apt/sources.list.d/medibuntu.list && sudo apt-get update

Risorse: