Informazioni schede audio in linux ubuntu debian

Di seguito alcuni utili comandi per ricercare in un sistema linux le schede audio presenti e altre informazioni relativi ai server audio installati e attivi.

Dispositivi hardware

Per elencare i dispositivi hardware per l’audio si possono utilizzare i comando lspci e lsusb.
Esempio per lspci

lspci | grep Audio
00:01.1 Audio device: Advanced Micro Devices, Inc. [AMD/ATI] Trinity HDMI Audio Controller
00:14.2 Audio device: Advanced Micro Devices, Inc. [AMD] FCH Azalia Controller (rev 01)

Un comando più completo per visualizzare le periferiche audio installate con lspci
lspci -v | grep -A7 -i “audio”

lspci -v | grep -A7 -i "audio" 
00:01.1 Audio device: Advanced Micro Devices, Inc. [AMD/ATI] Trinity HDMI Audio Controller
	Subsystem: Micro-Star International Co., Ltd. Device 7793
	Flags: bus master, fast devsel, latency 0, IRQ 63
	Memory at feb44000 (32-bit, non-prefetchable) [size=16K]
	Capabilities: 
	Kernel driver in use: snd_hda_intel

00:03.0 PCI bridge: Advanced Micro Devices, Inc. [AMD] Family 15h (Models 10h-1fh) Processor Root Port (prog-if 00 [Normal decode])
--
00:14.2 Audio device: Advanced Micro Devices, Inc. [AMD] FCH Azalia Controller (rev 01)
	Subsystem: Micro-Star International Co., Ltd. Device d793
	Flags: bus master, slow devsel, latency 32, IRQ 16
	Memory at feb40000 (64-bit, non-prefetchable) [size=16K]
	Capabilities: 
	Kernel driver in use: snd_hda_intel

Per ricercare il numero di schede audio presenti:

cat /proc/asound/cards

 cat /proc/asound/cards
 0 [HDMI           ]: HDA-Intel - HDA ATI HDMI
                      HDA ATI HDMI at 0xfeb44000 irq 63
 1 [Generic        ]: HDA-Intel - HD-Audio Generic
                      HD-Audio Generic at 0xfeb40000 irq 16

Per evidenziare come vengono identificate le schede audio installate in base ai moduli caricati. Utile per impostare la scheda di default in alsa, l’eventuale ordine e/o inserimento in blacklist.

cat /proc/asound/modules
 0 snd_hda_intel
 1 snd_ice1712
 2 snd_hda_intel

altri comandi

arecord -l

arecord -L

Per elencare tutti i moduli del kernel in qualche modo collegati ai dispositivi audio presenti:

lsmod | grep “^snd_” | column -t

snd_seq_dummy          12798   1
snd_hda_codec_realtek  51465   1
snd_hda_codec_hdmi     41276   1
snd_hda_intel          48171   6
snd_hda_codec          188738  3  snd_hda_codec_realtek,snd_hda_codec_hdmi,snd_hda_intel
snd_hwdep              13602   1  snd_hda_codec
snd_pcm                102033  4  snd_hda_codec_hdmi,snd_hda_codec,snd_hda_intel
snd_page_alloc         18710   2  snd_pcm,snd_hda_intel
snd_seq_midi           13324   0
snd_seq_midi_event     14899   1  snd_seq_midi
snd_rawmidi            30095   1  snd_seq_midi
snd_seq                61560   7  snd_seq_midi_event,snd_seq_dummy,snd_seq_midi
snd_seq_device         14497   4  snd_seq,snd_rawmidi,snd_seq_dummy,snd_seq_midi
snd_timer              29433   2  snd_pcm,snd_seq

blacklist

File per la blacklist
/etc/moduleprobe.d/blacklist.conf

ordinamento 
per ordine e sceglie la scheda di default in alsa
/etc/moduleprobe.d/alsa-base.conf

options snd_ice1712 index=0

Altro comando per elencare il numero di sound cards disponibili

 ls -ld /proc/asound/card* | grep ^d
dr-xr-xr-x 6 root root 0 Oct  7 14:06 /proc/asound/card0
dr-xr-xr-x 6 root root 0 Oct  7 14:06 /proc/asound/card1

Alsa

Alsa ( Audio in Linux: Oss, ALSA, pulseaudio ubuntu linux ) è diventato dalla versione 2.6 del kernel l’interfaccai predefinita nella fornitura di device driver per le schede audio.

Se alsa è installato per verificare  le schede audio riconosciute si può utilizzare il comando aplay -l
Se non viene trovata una scehda audio si otterrà un messagioo del tipo

aplay: device_list:221: no soundcard found...

diversamente si otterrà un elenco del tipo che segue

 aplay -l
**** List of PLAYBACK Hardware Devices ****
card 0: HDMI [HDA ATI HDMI], device 3: HDMI 0 [HDMI 0]
  Subdevices: 1/1
  Subdevice #0: subdevice #0
card 0: HDMI [HDA ATI HDMI], device 7: HDMI 1 [HDMI 1]
  Subdevices: 1/1
  Subdevice #0: subdevice #0
card 0: HDMI [HDA ATI HDMI], device 8: HDMI 2 [HDMI 2]
  Subdevices: 1/1
  Subdevice #0: subdevice #0
card 0: HDMI [HDA ATI HDMI], device 9: HDMI 3 [HDMI 3]
  Subdevices: 1/1
  Subdevice #0: subdevice #0
card 1: Generic [HD-Audio Generic], device 0: ALC892 Analog [ALC892 Analog]
  Subdevices: 1/1
  Subdevice #0: subdevice #0
card 1: Generic [HD-Audio Generic], device 1: ALC892 Digital [ALC892 Digital]
  Subdevices: 1/1
  Subdevice #0: subdevice #0

II file principale di configurazione si trova in :

/usr/share/alsa/alsa.conf

nel file di configurazione  la scheda di default  è impostata a 0  (la prima individuata )

cat  /usr/share/alsa/alsa.conf
...
defaults.ctl.card 0 
defaults.pcm.card 0  
default.pcm.device   0
...

Per visualizzare le informazioni sul sistema e sull ‘installazione di alsa è displonibile questo utile scritp alsa-info.sh accessibile anche dalla pagina Help To Debug – AlsaProject .

wget http://www.alsa-project.org/alsa-info.sh
chmod +x  alsa-info.sh
./alsa-info.sh

Di seguito la parte inziale dell’articolato e completo output  generato dallo script

upload=true&script=true&cardinfo=
!!################################
!!ALSA Information Script v 0.4.62
!!################################

!!Script ran on: Wed Sep 285 07:21:27 UTC 2013

!!Linux Distribution
!!------------------
....
!!ALSA Version
!!------------

Driver version:     k3.8.0-30-lowlatency
Library version:    1.0.25
Utilities version:  1.0.25
...
...

Servers audio installati

Per controllare il/i servers audio ( Audio in Linux: Oss, ALSA, pulseaudio ubuntu linux )  installati si può usare per pulseaudio ( Pulseaudio ubuntu ) un comando del tipo :

dpkg -l pulseaudio | grep ii 
ii  pulseaudio                                1:4.0-0ubuntu6                          amd64        PulseAudio sound server

per alsa

 
  dpkg -l alsa | grep ii

Server audio attivo

Verificare quale server audio è attivo con:
ps aux | grep [p]ulseaudio
e
ps aus | grep [a]lsa

Altri Comandi

Per evidenziare specifici dettagli quando è sono noto il modulo legato alla scheda possono essere:

 
cat /proc/interrupts | grep intel
 16:        275        389       1390        606  IR-IO-APIC-fasteoi   snd_hda_intel
 63:         47         48         47         48  IR-PCI-MSI-edge      snd_hda_intel

dmesg | grep -i intel | grep -i hda

dmesg | grep -i intel | grep -i hda
[   15.973396] hda-intel 0000:00:01.1: Using LPIB position fix
[   15.973400] hda-intel 0000:00:01.1: Force to non-snoop mode
[   15.973451] snd_hda_intel 0000:00:01.1: irq 63 for MSI/MSI-X
[   15.976436] hda-intel 0000:00:01.1: Enable sync_write for stable communication
[   15.983220] hda-intel 0000:00:14.2: Using LPIB position fix
[   15.991171] hda-intel 0000:00:14.2: Enable sync_write for stable communication

[SOLVED] Two snd_hda_intel – how to get rid of one?

Problemi:

Se si ottiene No sound/ Dummy Output Only  riavviare il server alsa con

sudo alsa force-reload     

Altro
sudo depmod -a

Nel blog:

Risorse:

Hardware compatibile risorse:

Annunci

Determinare gateway in Mac OSX

Per ottenere informazioni sulla rete in Mac Pro è possibile utilizzare l’Utility ad interfaccia grafica Network Utility .
Accessibile ad esempio da

> Lauchpad   > System information > quindi menu -> Window > Network Utility

Network Utility - Mac Pro

Da terminale si possono utilizzare i comandi:

route -n get default

e

netstat -nr 

 

 

 

 

 

 

 

 

jwm arandr cambiare la risoluzione dello schermo in modo permanente

jwm joewing.net | JWM (Joe’s Window Manager)  è un window manager leggero per X11 window system.  Utilizzato fra l’altro anche nella distribuzione linux Puppy.   La gestione della risoluzione video è demandata a programmi come xrandr, aranrd o lxrandr …. Questi applicativi consentono agevolemente di impostare la risoluzione dello schermo desiderata. L’efficace GUI Aranrd è presente in molte distro. In ubuntu ad esempio le impostazioni definite con vengono in un file .sh nella directory .screenlayout.

arandr jwm

arandr change jwm screen resolution

Di seguito un esempio del file .sh generato da arandr

#!/bin/sh
xrandr --output VGA-0 --off --output DVI-0 --off --output HDMI-0 --mode 1280x1024 --pos 0x0 --rotate normal

lo scripts avviato xrandr che imposta così l’output:
– VGA off
– DVI off
– HDMI modalità 1280×1024.

Avviando il file .sh da terminale oppure utilizzano un file manager la risoluzione dello schermo viene impostata come indicato.

se il file viene salvato come sr-default.sh da terminale può essere eseguito con

~/.screenlayout/sr-default.sh &

Rendere permanente la risoluzione in Jwm

Per rendere permanente la risoluzione dello schermo in jwm
si può intervenire sul file di configurazione di jwm presente in /etc/jwm/system.jwmrc.
Inserire i tags   <StartupCommand>   ….     </StartupCommand>  all’interno dei tags  <JWM>  ….  </JWM>  . La sintassi a tag ricorda html.

Quindi riportando il comando per impostare la risoluzione dello schermo come nell’esempio seguente.

<JWM>

    ...
    ...
    <StartupCommand>
         xrandr --output VGA-0 --off --output DVI-0 --off --output \
HDMI-0 --mode 1280x1024 --pos 0x0 --rotate normal &

         netsurf &

    </StartupCommand>

</JWM>

All’interno dei tag si possono inserire eventuali ulteriori applicazioni che si intendono avviare in fase di startup in questo caso netsurf.

Elencare le risoluzioni disponibili xrandr

Per conoscere le risoluzioni disponibili si può utilizzare anche semplicemente da console il comando xrandr

Digitando da console semplicemente xrandr

 
$ xrandr 
Screen 0: minimum 320 x 200, current 800 x 600, maximum 16384 x 16384
VGA-0 disconnected (normal left inverted right x axis y axis)
HDMI-0 connected 800x600+0+0 (normal left inverted right x axis y axis) 673mm x$
   2560x1080      60.0 +
   1920x1200      60.0
   1920x1080      60.0
   1600x1200      60.0
   1680x1050      59.9
   1280x1024      75.0     60.0
   1440x900       75.0     59.9
   1280x720       60.0
   1024x768       75.1     60.0
   800x600        75.0*    60.3
   640x480        75.0     72.8     66.7     60.0
   720x400        70.1
DVI-0 disconnected (normal left inverted right x axis y axis)

versione jwm

 
jwm --version
JWM vsvn-579 by Joe Wingbermuehle
compiled options: confirm fribidi icons png shape xft xinerama xpm xrender 
system configuration: /etc/jwm/system.jwmrc
usage: jwm [ options ]

Risorse:

Dirette Rai su Ubuntu 12.10 utilizzando Firefox senza silverlight

Aggiornamento ( 2013 novembre )

New_icons_17  Dirette Rai in Ubuntu 13.10 utilizzando Firefox senza silverlight ( raismth 4.0.x )

Riprendo  precedenti posts relativi alla visualizzazione dei canali Rai  in streaming senza l’utilizzo silverlight:

Per visualizzare la Rai in Ubuntu 12.10 senza utilizzare Silverlight e Moonlight utilizzare sempre Firefox, mplayer,  faad con il plugin  e Raismith di mitm. Il plugin può essere utilizzato sia su linux che window sono supportati sia gli stream mms(old style) che smooth(live e replay). . La versione attuale del plugin è la 3.0.4 e supporta anche la versione 19.02 , l’ultima di firefox .

raismith

Il link  <more> consente di ottenere molte utili informazioni sul plugin raismith:  preferenze, relinker statici, trips e tricks , note tecniche etc…

Procedura:

  • Installare dapprima il lettore binario  multimediale  mplayer  per gestire lo streaming  MMS e Smooth e l’audio decoder faad  per la parte audio . :
sudo apt-get install mplayer faad
  • Installare il plug-in Smooth Streaming Player RAI-TV_Player per Firefox.   Per installarlo andare alla pagina addon di firefox e digitare Raismith  oppure  andare alla pagina degli add-on Raismth add-on.  La home page del progetto qui
  • Al riavvio viene chiesto di confermare il percorso per i player dei flusso mms e smooth Qualora il percorso differisca modificare conseguentemente.

raismith-preferences

  • Una volta completata l’installazione andare  esempio alla pagine per la diretta di rai  4
    Rai.TV – La diretta di Rai 4 e clikkare il pulsante Play come indicato nell’immagine.

    raismith-rai4-play

    raismith-rai4-play

Risorse:

 

Inserire una Mappa di Google in una pagine Html

Inserire una mappa di Google Maps in una pagina internet.

La mappe di google allo scopo di risultare sempre più amichevole ed efficaci subiscono continue modifiche all’ìinterfaccia.  Come conseguenza la procedura usata un anno fa attulmente non risulta più adeguata.
Al momento per inserire una mappa  procedere nel sugente modo andare nel sito Google Maps maps.google.com ricerchiamo la mappa che ci interessa utilizzando il cerca sulle mappe.
Oppure se noto ancora più efficace le coordinate ad esempio. 35.693901,139.770191. A questo punto clicchiamo in alto a destra il simbolo con il link .

google mpas link

google mpas link

Appariranno due campi a questo punto abbiamo due possibilità:

1) Selezionare il testo presente nel campo [Incolla HTML da incorporare nel sito web]

maps google html

maps google html

oppure aprire la pagina più articolata  clicchando  sul link sottostante “Personalizza e visualizza in anteprima la mappa incorporata“.

Apparirà una nuova pagina che consentirà di  personalizzare e copiare il codice  html per incorporarlo nel sito web.

Apportare le personalizzazioni del caso e prelevare il contenuto del campo

Copia e incolla questo codice HTML per incorporarlo nel tuo sito web

per la copia si può usare anche il classico Ctrl+C e incolliamo il tutto nel codice HTML della nostra pagina web.

La mappa verrà inserire all’interno di un iframe il tag iframe consente di definire lo spazio della pagina da riempire con risorse proveniente da altri siti.

Il tag iframe consente di definire anche altezza e larghezza della mappa proprietà “with” e “height”.

Risorse:

D-bus

D-Bus ( Desktop Bus ) è un “message bus system” cioè sistema di comunicazione tra processi (IPC) che offre un modo semplice per la:

– comunicazione tra applicazioni dello stesso desktop
– comunicazione tra ambiente desktop e il sistema operativo

D-BUS è sviluppato su tre livelli

libdbus :  libreria che consente a due applicazioni di collegtarsi tra loro e scabirsi messaggi

demone di gestione messaggi: impiega la libreria libdbus, a cui si le applicazioni si connettono

librerie wrapper: librerie “involucro” specifiche per ogni ambiente operativo

Risorse:

Creare una live USB in SUSE 12.xx

La via standard per creare una chiavetta USB  contentente una distro live in SUSE utilizzando programmi ad interfaccai grafica è far ricorso al programma ImageWriter .

Image writer

Image writer

ImageWriter può essere installato da terminale con

su
 zypper install imagewriter

se si desidera installare image Writer con un programma ad interfaccia grafica la scelta ovvia è YaST.

Image writer è essenziale. Si seleziona la iso clikkando al centro della finestra e navigando il file system in mdo tradizionale.  In basso nella finestra è presente un menu a tendina per la scelta del dispositivo USB in cui trasferire la live.

Altra possibilità utilizzare Live USB GUI

Creare una live usb  da terminale

Utilizzando il terminale la soluzione per la crezione della live usb è classica  e passa per l’utilizzo dei comandi dd oppure cp.

smontare lo stick USB

umount /dev/sdX

quindi con dd 

# dd if=/path/to/.iso of=/dev/sdX

oppure con cp

# cp /path/to/.iso /dev/sdX
# sync

Risorse: