Home > Server > Partizione attiva aggiornamento di Xenserver 5.6 SP2 a Xenserver 6.0.2

Partizione attiva aggiornamento di Xenserver 5.6 SP2 a Xenserver 6.0.2

Quella descritta di seguito,  dual boot in Xenserver, è una situazione rischiosa vivamente sconsigliata in server di produzione  che però in un PC laboratorio a scopo sperimentale può essere interessante realizzare.

Boot XenServer e Suse live

La macchina in questione era un pc con hardware standard e con installatato XenServer 5.6 SP2  che si desiderava poter utilizzare anche come pc tradizonale con installato suse 11.2 live.  Operazioni da realizzare :

  • Ridimensionare le partizioni di XenServer  ( disco 320 GB)  ad esempio utilizzando un live Suse 11.2.
    • 1 partizione: Xen main  (4 GB )  ridmensionata a (3.2GB)   normalmente è usata per meno di 2GB
    • 2 partizione: Xen   (4GB backup )
    • 3 partizione: LVM per le macchine virtuali  290 GB rimesionare a 200 GB
  •  Il ridmensionamento libera:
    • 750 MB circa per poter generare una nuova partizione estesa o primaria
    •   90 GB nel volume group (LVM) per poter generare nuovi volumi logici
  • Creare i seguenti volumi  usando la live suse ( partitioning )
    • 4 partizione: 750 MB partizione optato per il tipo esteso
      • 5 partizione: partizione logica da 500 MB formattata ext2 per  /boot
      • 200MBrimango a disposizione
    • LVM aggiunte tre partizioni logiche
      •  suse11live   9 GB   tipo ext4   per root    /
      • ubuntu  12 GB         tipo ext4   a disposizione
      • datiall  30GB           tipo ext4  a disposizione
      • rimangono altri circa 40 GB a disposizione
  • A questo punto installare la linux suse live
    • IMPORTANTE installare il bootloader che è GRUB 0.97 solo su partiizone /boot non su MBR

Dopo alcuni minuti terminata l’installazione si potrà disporre una macchina che potrà avviare suse oppure XenServer.
Grub consentirà di avviare suse oppure Xenserver.

Modificare Partizione Attiva per upgrade

Qualora si desiderasse aggiornare il  XenServer dalla versione  5.6 alla versione  6.02  è necessario modificare la partiizone di boot.  Nell’installazione Suse ha cambiato la partiizone attiva che è passata dalla 1° alla 4°. Per poter installare l’upgrade di XenServer è necessario flaggare la 1° partiizone quella di base per XenServer come  partizione attiva per fare questo utilizzare fdisk è opportuno in caso di aggiornamento avere una sola partizione attiva .

Per cambiare la partizione attiva utilizzo un personale dvd con una molteplicita di distribuzioni  live creato con MultiCD. In questo caso avvio systemrescueCD 2.xx.

ATTENZIONE: Se la 1° partizione non viena resa attiva XenServer proporra l’installazione da zero cancellando tutti dato presenti nel disco .  

Quando XenServer effettua l’aggiornamento viene effettuato il backup dell’installaizone corrente. La partizione di backup può contenere un solo backup pertanto l’eventuale  precedente (preesistente) backup sarà definitivamente sovrascritto.

Multi boot  

Sulla base  dello schema proposto è facile comprendere come sia possibile installare ulteriori distribuzioni Linux ( ubuntu, debian, centos … ) e all’occorrenza procedere con gli aggiornamenti di Xenserver.

Advertisements
  1. Non c'è ancora nessun commento.
  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: